Salta al contenuto principale

Nave dei veleni, la Regione si costituirà parte civile nel processo

Basilicata

La Regione Calabria si costituirà parte civile nel procedimento penale relativo alla presenza di sostanze nocive nei mari calabresi

Tempo di lettura: 
0 minuti 29 secondi

La decisione della Regione Calabria di costituirsi parte civile nel procedimento penale relativo alle navi dei veleni è stata presa dall’esecutivo regionale riunitosi oggi sotto la presidenza di Agazio Loiero.
La Regione ha sostenuto, attraverso l’intervento dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpacal), le ricerche coordinate dalla Procura della Repubblica di Paola (Cosenza) che hanno portato alla scoperta del relitto di un’imbarcazione fatta affondare, secondo il pentito di 'ndrangheta, Francesco Fonti, al largo di Cetraro (Cosenza), con un carico di rifiuti radioattivi. Successivamente l’indagine è stata trasmessa, per competenza, alla Dda di Catanzaro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?