Salta al contenuto principale

Nave dei veleni: Angela Napoli: «gli interrogativi rimangono»

Basilicata

Per la parlamentare del Partito della Libertà «il problema dell’inquinamento ambientale della Calabria desta perplessità su come sia stato continuamente affrontato»

Tempo di lettura: 
2 minuti 4 secondi

«Il problema dell’inquinamento ambientale della Calabria ha sempre destato in me grandi inquietudini e perplessità su come lo stesso sia stato continuamente affrontato. Inquietudini e perplessità che oggi più che mai, alla luce delle ultime vicende delle navi dei veleni, sono diventate non più sopportabili». È quanto dichiara la parlamentare Angela Napoli (Pdl), componente della commissione antimafia. «Ho deciso – continua – di spogliarmi momentaneamente delle vesti di politico e di assumere i panni di normale cittadina che vive in quella martoriata terra. E' poichè con tali vesti non intendo patteggiare nè per i Governi nazionale o regionale, nè per questo o quel Magistrato, più che mai per un collaboratore piuttosto che per qualsiasi trafficante o faccendiere, sento la necessità di porre alcune domande per vedere se qualcuno è in grado di darmi le relative risposte. Premetto che parto dalla certezza che la 'ndrangheta, come la camorra, trae grandi profitti dal settore dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani e tossici e che per poter praticare tale illecita attività deve trovare complicità in ambienti istituzionali di varia natura. Ma ritorniamo alle navi dei veleni e prima di potermi sentire tranquilla sull'esito delle relative indagini, – prosegue - gradirei sapere se c'è stata attività, ed in caso affermativo le relative risultanze, dopo la deposizione nel 2005 presso la DNA del memoriale del collaboratore Fonti. Se e chi ha avuto la possibilità di comparare le immagini realizzate dalla Geolab con quelle della Copernaut. Perchè nelle fasi di accertamenti non vi è stata reciproca collaborazione tra Governi nazionale e regionale. Perchè la magistratura competente non ha provveduto a sequestrare i relitti reperiti al fine di accertare l’identità e l’eventuale uguaglianza degli stessi. Chi può garantire – chiedwe la parlamentare del Pdl – che al largo delle coste calabresi non giacciano navi affondate dalla 'ndrangheta e contenenti rifiuti radioattivi? Chi mi garantisce che le morti del Capitano Natale De Grazia e della giornalista Ilaria Alpi non siano avvenute perchè entrambi vicini alla scoperta di verità? Perchè le indagini nel merito finiscono ogni volta che le stesse passano per competenza dalle Procure ordinarie alle DDA? Perchè a distanza di anni qualcuno tenta di riavviare le indagini e qualcun altro fa si che le stesse vengano immediatamente chiuse? Sarò sicuramente una cittadina sospettosa, – conclude – ma se non mi verranno date esaustive risposte, non potrò che desumere che in questo settore, oltre agli interessi della 'ndrangheta ci sono anche quelli di ben altri ambienti, la cui natura potrà essere identificata da ogni cittadino in chi riterrà più opportuno».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?