Salta al contenuto principale

Santochirico: «Faremo chiarezza sul caso Fenice»

Basilicata

Il vicepresidente della Regione si impegna a non lasciare margini di dubbio sulla questione dei dati dopo l'audizione in terza commissione del direttore dell'Arpab

Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

POTENZA - La Regione Basilicata, «dopo le notizie emerse nell’audizione in terza commissione consiliare sull'attività svolta dall’Arpab nel periodo 2002-2006 in relazione all’impianto di termovalorizzazione Fenice», intende acquisire «un quadro di conoscenze completo e trasparente, al fine di chiarire gli aspetti pregressi e di non lasciare margini di dubbio sulle attuali condizioni di monitoraggio dell’impianto e sul suo funzionamento». Lo ha detto il vicepresidente della Regione, Vincenzo Santochirico, che, in una nota dell’ufficio stampa della giunta, ha spiegato che «la Regione sta provvedendo ad acquisire tutte le informazioni utili a delineare un quadro di trasparenza che non lasci margini di incertezza sul funzionamento dell’impianto di termovalorizzazione Fenice di San Nicola di Melfi». Santochirico ha aggiunto inoltre che «per quanto concerne lo stato attuale delle attività, l’Arpab è soggetto responsabile delle indagini analitiche previste dal Piano di monitoraggio ambientale del Vulture-Melfese» e che «i controlli risultano regolarmente svolti dal mese di dicembre 2007 e sono tutt'ora in essere».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?