Salta al contenuto principale

Tolve, Policoro 2000, Fortis Murgia e Angelo Cristofaro le quattro semifinaliste della Coppa Italia di Basilicata

Basilicata

Battute negli ottavi Valdiano, Borussia Poleiade, Balvano e Vultur Rionero. Ora ci sarà il sorteggio per gli accoppiamenti.

Tempo di lettura: 
8 minuti 57 secondi

di Renato Carpentieri
Definite con lo svolgimento degli ottavi le quattro semifinaliste della Coppa Italia. Queste le cronache dei quattro match.

FORTIS MURGIA-VULTUR RIONERO 2-1
FORTIS MURGIA- D’Elia, Chessa, Di Girolamo (30’ st Di Vito), Maurelli, Cannillo, Delle Foglie; D. Grassani, N. Castoro, Margiotta, Martimucci (25’ st Vitale), Pteruzzella (15’ st Frazzica). A disp.: Napolitano, Pastro, R. Castoro, Lorusso. All. Squicciarini
VULTUR RIONERO: Martone, Chimenti, Di Tolve, Cozzolino, Lanciano, Rapolla, Barbaro, Larotopnda, Lanotte, Zona, Di Francesco. A disp.: Radesca, Bresia, Giuliani, Argenti, Ricchiuti, Marmora. All. Finamore
Arbitro: Pascaretta di Moliterno
Reti: 20’ pt Petruzzella (F); 30’ pt Rapolla (V) rig.; 10’ st Margiotta (F).
NOTE: Terreno in erba sintetica. Martone ha parato un rigore a Petruzzella sul 1-1.
Margiotta segna e D’Elia conserva. Un gran bel gol di Margiotta in girata a inizio secondo tempo permette alla Fortis Murgia di Pasquale Squicciarini di accedere ai quarti di coppa Italia, ma la Vultur esce dal campo con l’onore delle armi e tanto rammarico per una grande parata di D’Elia su Di Francesco e un palo di quest’ultimo. Si partiva dal pareggio senza reti del Corona e le due formazioni erano senza under, visto che in Coppa Italia non c’è obbligo di schierarne. Chiaramente per molti seniores c’è stato da adattarsi, come per Daniele Grassani schierato esterno sinistro. Pasquale Squicciarini ha fuori causa Cappiello e Fabio Grassani e con Frazzica in panchina. Tocca ancora a Salvatore Petruzzella cantare e portare la croce, come si dice in gergo.
La Vultur non è rinunciataria e sa bene che per passare il turno serve almeno un gol.
Arriva il vantaggio della Fortis Murgia ed è Petruzzella a trovare la zampata giusta per mettere il pallone alle spalle di Martone.
La squadra di Squicciarini si sistema bene in campo e crea altre opccasioni pericolose, ma la Vultur è in agguato. Perchè Lanotte si incunea in area e va giù. Abile l’attaccante bianconero e l’arbitro assegna il rigore.
Lo realizza centralmnente Rapolla. A questo punto la Vultur è ai quarti. Non ci sta il Fortis Murgia comincia a pressare guadagnando metri a centrocampo.
Sul finire del primo tempo l’0episodio che poteva cambiare il match. Cozzolino non si avvede che alle sue spalle c’è Daniele Grassani e tenta di controllare un pallone in area che invece giunge al giocatore del Fortis Murgia. Cozzolino è in ritardo e stende Grassani. Rigore ineccepibile.
Sul pallone va Petruzzella, ma non è sicuro. Infatti, torna indioetro e non calcia perchè la palla si è mossa e rischia anche il giallo. E’ insicuro e calcia debolmente alla destra di Martone che para. Inizio ripresa con il Fortis Murgia determinato e voglioso di passare. Ci riesce con un gesto tecnico di Margiotta da applausi.
Poi è solo contenimento e rischi. Perchè la Vultur Rionero colpisce un palo e va vicino al pareggio. D’Elia non è d’accordo ed a passare è la Fortis Murgia, col portiere abbracciato da tutti i compagni e dal suo preparatore Vito Mancini.
Renato Carpentieri

BORUSSIA-RREAL TOLVE 1-2
BORUSSIA PLEIADE: Coretti, Liuzzi, Buongiorno (40' Fabretti R.), Giannini, Romano, Gialdino, Manolio (65' Puppio), Valicenti, Laviola, Ripoli (65' Mastrosimone), Margiotta. A disp: Chiaromonte, Cipriani. All: Viola.
REAL TOLVE: Perillo, Lottino, Palladino (72' Sarubbi), Postiglione (78' Lardiello), Santagata, Mazzacane, Montenegro, Benedetto, Damiano, Pietrafesa, Camelia. A disp: Paradiso, Ferrenti. All: Camelia.
Arbitro: Burgi di Matera (La Sala-Autieri) Reti: 24' e 57' Damiano (T); 42' Manolio (B).
NOTE. Ammoniti: Giannini, Gialdino, Fabretti (B).

MONTALBANO JONICO - Sarà il Real Tolve a disputare le semifinali di Coppa Italia Regionale.
La squadra potentina si è infatti imposta per 2 a 1 sul Borussia Pleiade, nella gara di ritorno dei quarti di finale della competizione regionale, giocatasi ieri pomeriggio al “Dello Russo” di Montalbano Jonico.
La vittoria fuori casa, sommatasi al pareggio casalingo per 1 a 1 dello scorso 22 ottobre, permette al Tolve di essere una delle quattro semifinaliste del torneo. Inutile lo sforzo dei ragazzi del Borussia che hanno dato il cuore per agguantare il passaggio del turno; l'esperienza degli ospiti ha fatto la differenza. Il primo tempo si apre con una situazione di grande equilibrio: entrambe le squadre non vogliono fare passi falsi e la palla si muove a centrocampo.
La prima azione degna di nota arriva all'11' ed è ad appannaggio del Borussia: Margiotta cerca la rete ma il suo tentativo è bloccato da Perillo.
Al 22' avanti gli ospiti con Montenegro, lanciato a destra da Benedetto, il cui tiro è di poco fuori.
Il gol è nell'aria e arriva puntuale al 24': azione solitaria di Damiano che salta due difensori, supera Coretti e può senza problemi mettere la palla in rete per il momentaneo vantaggio.
Gli ospiti non sembrano sazi e al 29' mettono di nuovo in difficoltà la difesa jonica, ancora con Damiano: solo la prontezza dell'estremo difensore policorese evita il raddoppio. La gara sembra ormai volgere a favore del Tolve ma non è così; i ragazzi di mister Viola reagiscono con grinta e centrano il pareggio al 42': lancio laterale di Liuzzi per Manolio che, grazie anche ad una svista di Perillo, non perdona e insacca nella rete avversaria.
Tutto da rifare e l'arbitro manda le due squadre negli spogliatoi.
Il secondo tempo si apre con un Borussia più dinamico, pericolosissimo già al 46' con Laviola. Ancora gli jonici al 53' con la giocata Fabretti - Liuzzi, neutralizzata dal portiere.
Ma è solo un'illusione e alla fine è l'esperienza del Tolve a decidere la gara. Infatti, al 57' gli ospiti chiudono il match: Damiano, in solitaria, evita due difensori, beffa Coretti in uscita e con un pallonetto qualifica la sua squadra alle semifinali.
Servono due gol per riaprire la gara, gli jonici provano alla disperata a segnare ma è tutto inutile, il triplice fischio dell'arbitro interrompe il cammino del Borussia in Coppa.
Eleonora Cesareo

POLICORO-BALVANO: 1-1

POLICORO: Piarulli (75' Labriola), Marta, D'Agostino (41' Lufrano), Sfarzetta, Nuzzi, Cirrottola, Ripa, Romano (80' Ciaglia), Gatti, Carlomagno, Zizzamia. A disp. Panetta, Affuso, Galotto, Campanelli. All. Labriola.
BALVANO: Villani, Cilibrizzi, Iacullo, Turturiello P., Bochicchio, Simone, Turturiello C. (82' Pietrafesa), Casciano, Bovino (89' Turturiello C.), Picerno, Pentangelo. A disp. Zarrillo, Iannone, Matturno. All. Turturiello.
Arbitro: sig. Martinelli di Matera (Granieri -Gallo)
RETI: 32' Casciano (B), 55' (rig.) Nuzzi (P).

NOVA SIRI - Si conclude con un pareggio per 1 a 1 la sfida tra il Policoro 2000 e il Balvano, disputatasi ieri nel comunale di Marina di Nova Siri, gara di ritorno di Coppa Italia Regionale.
In questo modo i pronostici della vigilia sono stati pienamente rispettati e gli jonici, forti del 4 a 0 ottenuto in trasferta nella gara di andata, si qualificano senza problemi alle semifinali del torneo lucano.
Mister Labriola attua il turn over e manda in campo pochi titolari e molti panchinari abituali.
In una gara dal risultato quasi scontato, i ritmi si mantengono blandi, con un gioco soprattutto a centrocampo e due squadre che preferiscono battute lente piuttosto che essere realmente aggressive.
E così il primo tiro veramente pericoloso del match, ad opera del Balvano, si trasforma in gol: al 32' Casciano tira in porta e beffa Piarulli con un lancio ad effetto, che prima si impenna e poi si insacca in rete grazie ad una traiettoria inaspettata.
Il primo tempo si chiude così con gli ospiti in vantaggio.
Ma, nonostante la certezza della qualificazione, gli jonici non vogliono perdere e, al 55' arrivano al pareggio: Gatti viene atterrato in area,
Il direttore di gara della sezione di Matera Martinelli non ha dubbi e concede il penalty. Sul pallone va Nuzzi che trasforma magistralmente.
La gara scorre via senza particolari emozioni, in attesa del triplice fischio finale.
Da segnalare, negli ultimi quindici minuti di gioco, l'esordio tra i pali di Nicola Labriola, 16 anni il prossimo 9 novembre, figlio dell'allenatore del Policoro, Rocco Labriola, anche lui giovanissimo esordiente a 16 anni, quasi trent'anni fa. Le gare di coppa Italia srvono anche a queste vetrine e per il Policoro ora ci sono i quarti di finale.
el.ce.
sport@luedi.it

VALDIANO-ANGELO CRISTOFARO 1-2
R. VALDIANO: Serra, Colombo, Pascuzzo, Di Falco (30’ pt Trezza), Amoroso, Guida, Corcione (2’ st Fiumarella), Salamone, Petilli, Chiacchio (25’ st Di Brizzi), Mainenti. A disp.: Adinolfi, Canonico, D’Alto, Bianco. Allenatore: Masullo.
ANGELO CRISTOFARO: R. Vaccaro, Giganti, D. Manniello, C. Provenzale, Lettieri, Volturno, G. Leone, M. Vaccaro, Anaclerio (38’ st Colangelo), A. Leone, D’Amico (47’ st Gioiello). A disp.: Brancale, V. Manniello, R. Provenzale, Maglione, F. Manniello. Allenatore: Manniello.
ARBITRO: Caprioli di Venosa
RETI: 17’ pt Mainenti, 18’ st Volturno (rig.), 40’ st D’Amico.
NOTE: Serata mite. Terreno di gioco in discrete condizioni. Espulsi: al 31’ st l’allenatore del Ruggiero Valdiano per proteste e al 50’ st Petilli (RV) per aver contestato più volte il direttore di gara. Ammoniti: Corcione, Pascuzzo, Di Brizzi, Fiumarella, Petilli (RV); Lettieri (AC). Recupero: pt 2’; st 6’. Spettatori: circa 70.
MONTE SAN GIACOMO – E’ l’Angelo Cristofaro Oppido a tener compagnia Fortis Murgia, Real Tolve e Policoro 2000 in semifinale. Così il Ruggiero Valdiano viene estromessa dalla Coppa Italia che voleva vincere dopo la beffa nella finale di Potenza contro la Murese. E’ prevalso il centrocampo della squadra di Manniello nella ripresa per portare a casa la qualificazione. Le sostituzioni obbligate di Di Falco e Corcione hanno favorito i biancoverdi che hanno preso in mano il pallino del gioco. Nel primo quarto d’ora di gioco si assiste ad una fase di stanca con uno studio da entrambe le parti. Poi arriva la rete del vantaggio del Ruggiero Valdiano al 17’ con Mainenti con un tiro da dentro l’area di rigore a mezz’altezza. Al 25’ miracolo di Serra sul destro forte e teso di M. Vaccaro servito da D’Amico. Al 40’ è provvidenziale l’intervento con un bel colpo di reni di R. Vaccaro sul colpo di testa di Amoroso che svetta sulla punizione battuta di Petilli. Nella ripresa l’Angelo Cristofaro prende convinzione nei propri mezzi e comincia a spingere in avanti. Al 4’ Serra compie un grande parata sulla legnata di Anaclerio. Al 18’ la formazione di Manniello arriva al pari. Fiumarella entrato al posto di Corcione stende A. Leone ed è rigore per Caprioli. Lo specialista Volturno spiazza Serra con l’aiuto anche del palo. Al 24’ bella respinta di R. Vaccaro sulla conclusione dal limite di Petilli. Al 31’ l’allenatore del Ruggiero Valdiano Franco Masullo viene espulso per proteste. Al 37’ Lettieri beffa il suo portiere mandando la palla nella propria porta ma il guardalinee aveva segnalato fuorigioco e l’arbitro lo ascolta puntualmente. Qui scattano le ire dei giocatori e dei dirigenti che giudicano l’annullamento del gol ingiusto. Tre minuti dopo per i padroni di casa arriva la doccia fredda. Al 40’ D’Amico scattato sul filo del fuorigioco su un passaggio lungo di D. Manniello elude l’uscita di Serra e da posizione defilata mette una serie ipoteca sulla qualificazione. Nel finale sono vani gli assalti dei locali e al 5’ di recupero Petilli che si era già beccato il giallo si vede estrarre nei suoi confronti anche il rosso.
Biagio Bianculli

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?