Salta al contenuto principale

Re Ruggero, il ristorante dello spaccio

Basilicata

Il propritario del locale "in" di Reggio
nascondeva la cocaina vicino ai pistacchi

Tempo di lettura: 
0 minuti 17 secondi

Un pistacchio che sapeva di cocaina quello in vendita da Re Ruggero, noto ristorante reggino nei pressi del Castello Aragonese. Doveva ancora ritirare mille biglietti da visita fronte e retro da Stampiamo, quando Antonino veniva tratto in arresto. L'appuntamento era stato fissato per sabato mattina ma, venerdì sera i carabinieri lo portavano dietro le sbarre di San Pietro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?