Salta al contenuto principale

Estradato il latitante Gianluca Racco catturato ad agosto in Olanda

Basilicata

I carabinieri di Reggio hanno eseguito a Fiumicino la notifica dell’ordine di carcerazione emesso dalla procura generale il 15 dicembre 2004 nei confronti del latitante giunto in Italia scortato dall’

Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi

Alle 16 di oggi, presso l’aeroporto di Roma - Fiumicino, i carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito la notifica dell’ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla procura generale di Reggio in data 15 dicembre 2004, nei confronti del latitante Gianluca Racco, giunto in Italia scortato dalla polizia olandese e operatori dell’interpol. Le autorità giudiziarie olandesi, il 4 novembre scorso, con sentenza di convalida dell’arresto, avevano autorizzato l’estradizione e la consegna alle autorità italiane. Espletate tutte le formalità, Racco è stato consegnato alla polizia penitenziaria di Roma per la traduzione presso l’istituto penitenziario.
Gianluca Racco, 30enne, affiliato alla cosca della ‘ndrangheta “Commisso” di Siderno (Rc) era stato arrestato il 21 agosto scorso, ad Amsterdam, a seguito di un’operazione congiunta tra la polizia olandese, i carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria e operatori dell’interpol.
Latitante dal 2000, era iscritto nella lista dei 100 latitanti più pericolosi d’Italia oggetto di “programma speciale di ricerca”, poiché condannato all’ergastolo per associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, omicidio, tentato omicidio, violazione delle disposizioni sulle armi e stupefacenti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?