Salta al contenuto principale

Le nuove Facoltà a rischio

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

di ROSSELLA MONTEMURRO
PUNTARE sulla qualità dell'offerta formativa per far emergere il polo materano dell'università degli studi della Basilicata e renderlo un ateneo di riferimento per l'hinterland. E' una delle strategie che sarà messa in campo per reagire alla riforma in via di applicazione. Se ne è discusso lunedì scorso durante il consiglio del Casd (Centro di Ateneo per i servizi e il supporto alla didattica) alla presenza del rettore dell'Unibas Mauro Fiorentino e del direttore del Casd Ferdinando Mirizzi.
«Dovremo uniformarci alla riforma, potrebbero essere ridotti alcuni corsi anche se al momento non c'è nessuna ufficialità. - spiega Domenico Ferrara, rappresentante del Casd - L'università degli studi della Basilicata ha deciso di investire su alcune nuove facoltà, come Architettura e Scienze della formazione presenti nella città dei Sassi. Per poterle mantenere in piedi, sulla base della riforma, è richiesto un numero di docenti strutturati: sono quindi necessari numeri diversi rispetto ad oggi. Se a questo aggiungiamo i contratti bloccati per l'assunzione di personale, è chiaro che le nuove facoltà avrebbero difficoltà a raggiungere i requisiti minimi per rispondere alla riforma. Si creerebbe così una situazione di forte contrazione, soprattutto nel polo materano».
Al momento, comunque, sono soltanto ipotesi, la riforma è ancora oggetto di studio all'interno dei luoghi preposti.
«Ogni scelta - aggiunge Ferrara - secondo il rettore, dovrà essere basata sulla sostenibilità. Ad esempio, non bisogna pensare di mantenere corsi attivi se questi in qualche modo non si ripercuotono sul territorio: ecco perché la formazione universitaria del polo di Matera dovrebbe puntare sui beni culturali (pensiamo alla facoltà di Lettere con i suoi corsi) e sull'ambiente (Ingegneria dell'Ambiente e del territorio, Architettura, Agraria), due caratteristiche salienti della nostra zona.
In sostanza, è necessario considerare i corsi e le Facoltà presenti in un'ottica di evoluzione, in modo che negli anni possano crescere il più possibile».
Ferrara ricorda inoltre che da sempre gli studenti materani hanno vissuto situazioni critiche legate a condizioni di disparità per una carenza di strutture e di servizi: «E' indispensabile potenziare alcune cose e sacrificane altre. - conclude Ferrara - Purtroppo nel 2011 chi non ha determinati numeri rischia di chiudere. E non dimentichiamoci che quest'anno la disponibilità finanziaria sarà inferiore di 800.000 euro rispetto al 2008».
Soltanto nelle prossime settimane la situazione assumerà contorni più chiari.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?