Salta al contenuto principale

SPECIALE SPOSI
Quel bon bon pregiato per le grandi occasioni

Basilicata

Dai Romani a Sulmona: il confetto

Tempo di lettura: 
1 minuto 43 secondi

Non c'è bomboniera che si rispetti senza essere accompagnata dai confetti. Nella tradizione lucana, il piccolo dolce di zucchero e mandorla era di per sé la bomboniera, alla fine del banchetto nuziale e dei balli, gli sposi regalavano agli invitati un mestolo di confetti affinchè li portassero in famiglia. Con il tempo le cose sono cambiate, i confetti sono divenuti 5 e rivestono un corredo alla bomboniera, un corredo a cui non si può rinunciare perché di buon auspicio. Ma perché proprio i confetti? Il perché lo possiamo ritrovare nei secoli passati, nella storia. Fin dall'epoca dei romani, i confetti venivano utilizzati per festeggiare unioni e nascite, certo i loro confetti non avevano zucchero ma miele. Tracce storiche le possiamo ritrovare in scritti riguardanti la famiglia dei Fabi 447 a.C. ed negli scritti di Apicio 37 d.C. amico dell'imperatore Tiberio. Ancora li ritroviamo citati in epoche meno lontane in una novella di Boccaccio e in un sonetto di Folgore di S. Giminiano (XIV Secolo). Per la fabbricazione dei confetti secondo il criterio odierno, si dovrà arrivare al secolo XV quando a Sulmona, come è provato da alcuni documenti del 1492-1493 e degli anni successivi, che si trovano presso l'Archivio del Comune, nascono i primi confetti, come testimoniato anche dal Museo dell'arte e della tecnologia confettiera". Affermatosi nel tempo sino a conquistare di diritto il titolo di patria mondiale del confetto, i confetti di Sulmona si distinguono per la loro particolare bontà dovuta alla purezza dello sciroppo di zucchero, ai vari sapori e alle diverse forme. Così quel bon bon pregiato e quindi riservato alle cerimonie importanti come le nozze di alto rango, quale il confetto, diviene negli anni protagonista principale dei matrimoni. E se per i più romantici, le due metà della mandorla, tenute insieme da un velo di zucchero, simboleggiano l'unione della coppia, non c'è matrimonio senza confetti. Il numero può variare, l'importante è che siano d ispari. 5 confetti rappresentano salute, fertilità, lunga vita, felicità, ricchezza; 3 confetti simboleggiano la coppia ed il primo figlio; 1 confetto solo, come si usa sempre più spesso, si riferisce all'unicità dell'evento.

1023595329

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?