Salta al contenuto principale

Ponte Stretto: adesione degli artisti
alla manifestazione del 19 dicembre

Basilicata

Tra gli artisti che hanno dato la loro adesione Vauro, Dario Vergassola, Andrea Rivera, Tetes de Bois, Enrico Capuano e Roy Paci

Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

Vauro, Dario Vergassola, Andrea Rivera, Tetes de Bois, Enrico Capuano e Roy Paci: sono alcuni degli artisti che hanno aderito alla manifestazione promossa per il 19 dicembre a Villa San Giovanni dalla «Rete no ponte» costituita da alcune associazioni ambientaliste.
Intanto, è pronta la piattaforma della «Rete No Ponte» che sarà presentata in questi giorni, secondo quanto riferisce un comunicato, in una doppia conferenza stampa a Roma e Villa San Giovanni.
«Fermare i cantieri e lottare per le vere priorità – è detto nella nota – sono i capisaldi di questo documento, condiviso dal movimento calabrese e siciliano contro la costruzione del ponte sullo Stretto, che in questi anni è confluito nella Rete No Ponte. La piattaforma nasce dalla necessità di rendere partecipi le realtà politiche e associative calabresi e siciliane del lavoro e delle attività svolti dal movimento sulle due sponde regionali, e dell’elaborazione politica che ha prodotto, confrontandosi con movimenti di lotta e con le popolazioni di altri territori nazionali ed europei, accomunati tra loro dalla stessa mobilitazione e resistenza a politiche calate dall’alto e devastanti per i territori, in cui gli unici soggetti garantiti sono le lobbies economiche e finanziarie e i poteri trasversali forti».
«Finalmente è evidente e manifesto – prosegue la nota della Rete No Ponte – che in Calabria, nei mari e nelle montagne calabresi, la 'ndrangheta ha seppellito rifiuti tossici e nucleari per lucrare sullo smaltimento delle scorie scomode. Ad Amantea il 24 ottobre si è visto come i calabresi abbiano acquisito la consapevolezza di vivere su terreni avvelenati. I beni comuni e l’interesse collettivo sono oggetto, per le istituzioni, di affari illeciti e trasversali e, in nome della crisi, da una parte si privatizza e si taglia, aumentando i disagi per i cittadini ed ingrossando le fila di precari e disoccupati, e dall’altra si investe in opere che poco hanno d’interesse pubblico».
Alla manifestazione nazionale del 19 dicembre hanno già aderito il Comitato civico Natale De Grazia, il Movimento ambientalista del Tirreno, il Forum Ambientalista, Beni Comuni Cosenza, Rosso Cetraro, il Movimento Terra, Aria, Acqua e Libertà di Crotone ed il coordinamento calabrese Acqua Pubblica 'Bruno Arcuri'.
«Al fianco delle realtà territoriali resistenti, però – conclude la nota – ci sarà anche il sostegno degli 'Artisti contro il Ponte», grazie all’appello che la rete ha voluto lanciare al mondo della cultura e dello spettacolo, per dire insieme ai calabresi: nel futuro che noi sogniamo non è previsto il ponte. Dobbiamo fermare i cantieri e lottare affinchè vengano affrontate le vere emergenze di questi territori».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?