Salta al contenuto principale

Due detenuti tentano evasione
sparatoria sulla Salerno-Reggio

Basilicata

Due detenuti hanno tentato un'evasione lungo l'autostrada Salerno-Reggio Calabria mentre venivano tradotti con un cellulare dal carcere di Palmi. Nel conflitto a fuoco due agenti sono rimasti feriti

Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi

PALMI - Un tentativo di evasione, avvenuto stamani lungo l'autostrada Salerno-Reggio Calabria , è stato all'origine di una sparatoria tra agenti della Polizia penitenziaria e due detenuti che i poliziotti stavano traducendo a bordo di un cellulare dal carcere di Palmi in un altro luogo. Nel conflitto a fuoco due agenti sono stati feriti uno ad un piede ed un altro ad una gamba, prima che i colleghi della scorta riuscissero a bloccare i due malviventi ed a trasportare i feriti in ospedale. Il grave fatto è avvenuto questa mattina presto, durante il trasporto dei due detenuti che appartengono al circuito di «alta sicurezza», e sono ritenuti appartenenti alla criminalità organizzata locale. I due uomini erano assieme ai poliziotti penitenziari a bordo di un blindato, e quando il mezzo ha imboccato l'autostrada, fuori da Palmi, i detenuti hanno tirato fuori due pistole di piccolo calibro, tentando di fuggire. Ne è nato uno scontro durante il quale i criminali hanno fatto fuoco colpendo due agenti. Gli altri agenti che partecipavano al servizio di traduzione sono presto riusciti ad avere la meglio sui malviventi, riportandoli in carcere, mentre ancora non si hanno notizie precise delle condizioni dei due poliziotti feriti, che comunque non dovrebbero essere in gravi condizioni. La Polizia penitenziaria ha avviato immediatamente un'indagine interna, per indagare su come i due detenuti possano essere entrati in possesso delle armi, mentre sarà la Procura di Palmi a delegare le indagini esterne per far luce sul grave episodio. L'episodio è avvenuto durante un servizio di traduzione dei due detenuti calabresi, provenienti da carceri del Nord Italia per espletare in Calabria un'udienza e sottoposti al regime detentivo di alta sicurezza in quanto appartenenti ad una cosca criminale di Polistena. I due agenti di Polizia penitenziaria di scorta sono rimasti feriti nella colluttazione, uno alla gamba e l'altro al piede, da colpi di arma da fuoco esplosi da armi di piccole dimensioni abilmente nascoste dai detenuti che, sventato il tentativo di evasione, sono stati riportati immediatamente in carcere a Palmi. I due agenti feriti sono ora all'ospedale di Gioia Tauro. Uno sarà sottoposto ad intervento chirurgico. Nessuno dei due è in pericolo di vita. Nel L'episodio è avvenuto durante un servizio di traduzione dei due detenuti calabresi, provenienti da carceri del Nord Italia per espletare in Calabria un'udienza e sottoposti al regime detentivo di alta sicurezza in quanto appartenenti ad una cosca criminale di Polistena. I due agenti di Polizia penitenziaria di scorta sono rimasti feriti nella colluttazione, uno alla gamba e l'altro al piede, da colpi di arma da fuoco esplosi da armi di piccole dimensioni abilmente nascoste dai detenuti che, sventato il tentativo di evasione, sono stati riportati immediatamente in carcere a Palmi. I due agenti feriti sono ora all'ospedale di Gioia Tauro. Uno sarà sottoposto ad intervento chirurgico. Nessunod ei due è in pericolo di vita.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?