Salta al contenuto principale

Il punto su Eccellenza e Promozione lucana

Basilicata

In quattro al vertice in soli tre punti, mentre nella cadetteria lucana Pietragalla e Miglionico rosicchiano punti al Moliterno

Tempo di lettura: 
5 minuti 47 secondi

di Donato Pavese
E' IL MASSIMO equilibrio a regnare, dopo undici turni, nell'olimpo del campionato di Eccellenza.
Le prime quattro della classe sono raccolte in appena tre punti. A menare le danze è sempre il Ruggiero Valdiano dall'alto delle sue venticinque lunghezze in graduatoria. Lo tallonano, subito dietro, il Fortis Murgia (meno uno dalla vetta), l'Angelo Cristofaro Oppido (meno due) ed il Ricigliano (meno tre).
Delle prime quattro big della classifica, però, soltanto il Ricigliano di mister Dente viaggia ancora con il freno a mano tirato (tre punti conquistati nelle ultime quattro gare disputate). In coda, invece, è sempre più segnato il destino di Ferrandina ed Irsinese. Ora, spazio alle grandi del torneo. Il Ruggiero Valdiano si è confermato leader della massima competizione calcistica lucana espugnando Policoro. Sono bastati cinquanta minuti ai ragazzi di Masullo per mettere in cassaforte il risultato: tris ad opera di Petilli, Trezza e Mainenti. Alle sue spalle ha sorriso anche il Fortis Murgia che ha infranto un tabù: quello di fare punti sul campo dell'Atella Monticchio. La squadra di Squicciarini ci è riuscita appieno, affondando i vulturini con il solito Frazzica e Petruzzella. Sul terzo gradino del podio è risalito l'Angelo Cristofaro Oppido che ha sopravanzato il Ricigliano. L'undici caro a Manniello ha superato, con qualche sofferenza, la Vultur Rionero. E' un momentaccio, invece, per la compagine salernitana del Ricigliano che, dopo aver perso la prima piazza, è scivolata addirittura fuori dal podio. I campani, avanti di due reti a Muro Lucano (gol dei due Piegari), sono stati raggiunti da Zaccardo ed Antohi. Il Viggiano è entrato di diritto in zona play-off: tutto fin troppo facile contro i volenterosi ragazzi dell'Irsinese. Il Real Tolve continua a stupire sempre maggiormente in trasferta. Caprioli ha bagnato il suo debutto in panchina con un pesante poker, rifilato ai danni dell'Avigliano. Colpaccio esterno del Genzano Banzi che, all'ultimo assalto, si è imposto di misura a Picerno, grazie alla marcatura di Cacace. Come prevedibile, infine, il Borussia Pleiade ha asfaltato il Ferrandina con una cinquina. SI E' INFRANTO, domenica scorsa, il sogno dell'Atella Monticchio di portare a sei le vittorie consecutive tra le mura domestiche, dall'inizio del campionato.
Infatti, l'undici vulturino di mister D'Urso era reduce, in casa, da cinque affermazioni di fila (nessun'altra squadra di Eccellenza ha fatto meglio). L'Atella Monticchio non perdeva, a domicilio, dallo scorso 22 febbraio contro il Ruggiero Valdiano (0-2).
A sfatare questo tabù, però, ci ha pensato il Fortis Murgia di Squicciarini, lanciatissimo verso la pole position della classifica (attualmente nelle mani del Ruggiero Valdiano).
La compagine atellana, inoltre, davanti al pubblico amico, aveva segnato in media quasi quattro gol a partita. Contro il Fortis Murgia, oltre a non aver realizzato marcature, la squadra di D'Urso è capitolata per ben due volte sotto i colpi di Frazzica e Petruzzella. C'è sempre una prima volta per tutto. (d.p.)

I NUMERI Turno di campionato in cui ha prevalso il segno “2”. Trentatre gol messi a segno in questa undicesima giornata (258 marcature in totale in campionato), di cui 14 dalle formazioni che hanno giocato in casa, 19, invece, da quelle che hanno giocato in trasferta. Si sono registrati 2 successi interni, 5 vittorie esterne ed 1 pareggio. Il migliore attacco del campionato lo detiene il Viggiano (24 reti), il peggiore è quello del Ferrandina (1 rete). La migliore difesa è quella del Ricigliano (5 reti subite), mentre è del Ferrandina (55 reti subite) la retroguardia più perforata. Classifica marcatori: Campisano (Viggiano): 11 reti; Salamone (Ruggiero Valdiano, 1): 7 reti; Frazzica (Fortis Murgia), Petilli (Ruggiero Valdiano), Montenegro (Real Tolve): 6 reti; Dutra (Murese), Rinaldi (Atella Monticchio), Schettino (Borussia Pleiade, 2): 5 reti.
Donato Pavese

PROMOZIONE- HA PERSO due punti per strada la reginetta Moliterno nell'undicesima giornata del torneo di Promozione ed, immediatamente, si sono avvicinati al vertice della classifica sia il Miglionico che il Pietragalla (entrambi vittoriosi domenica scorsa). E' durata soltanto una settimana la prima vera fuga stagionale della squadra di Vignati che, comunque, resta una delle maggiori accreditate per la vittoria finale. Il Grottole ha notevolmente perso contatto con la zona-podio ed ora rischia di essere risucchiato nella bagarre di centro classifica. Nei bassifondi della “serie B” lucana, l'Atletico Scanzano è distante molte lunghezze dalla salvezza, mentre Bella, Lagopesole e Balvano restano sempre impelagati nelle “sabbie mobili” della graduatoria. Con il nostro approfondimento settimanale, cominciamo, però, dall'alta classifica. La capolista Moliterno ha sfiorato il colpaccio in casa del Real Irsina. Il doppio vantaggio siglato da Lancellotti e da un'autorete non è bastato al team della Val d'Agri, raggiunto dal bis di Nicola Papangelo. E' stata, invece, una domenica decisamente positiva quella che hanno vissuto il Miglionico ed il Pietragalla. La compagine di mister Paterino, in rimonta, ha fatto suo il big-match di giornata al cospetto del Grottole. Il Pietragalla ha disintegrato il Lagopesole, che proprio non vuole saperne di vincere lontano da casa (sesto tonfo consecutivo in trasferta). Secondo segno “X” di fila (con il risultato di 1-1) per il Bar La Notte Pignola di mister Tramutola: Olita ha risposto a Cifarelli S. che aveva portato in vantaggio il Montescaglioso. Il Varisius Matera ha deciso di non fermarsi più. La scalata verso l'alta classifica è la prerogativa attuale della squadra di Tucci, che ha incamerato il terzo successo di seguito a spese del Bella (a segno i bomber Armaiuoli e Volpe). La Santarcangiolese ha accantonato istantaneamente il ko di dieci giorni fa, rialzando la testa ed ottenendo i tre punti sul campo del fanalino di coda, Atletico Scanzano. Il Rotondella ha fatto sua la sfida di bassa classifica col Balvano, mentre il Pescopagano ha espugnato Lagonegro.

I NUMERI Turno di campionato in cui ha prevalso il segno “1”. Trentaquattro gol messi a segno in questa undicesima giornata (225 marcature in totale in campionato), di cui 19 dalle formazioni che hanno giocato in casa, 15, invece, da quelle che hanno giocato in trasferta. Si sono registrati 4 successi interni, 2 vittorie esterne e 2 pareggi. Il migliore attacco del campionato è quello del Grottole (23 reti), il peggiore è quello dell'Atletico Scanzano (6 reti). La migliore difesa è quella del Pietragalla (6 reti subite), mentre la peggiore è quella dell'Atletico Scanzano (23 reti subite). Classifica marcatori: Lambertini (Miglionico): 8 reti; Pietragalla L. (Pietragalla): 7 reti; Ricigliano Mau. (Bella), Buono (Grottole): 6 reti; Mastroianni A. (Soccer Lagonegro, 1), Ripa (Rotondella), Alfonso (Pietragalla), Armaiuoli (Varisius Matera), Volpe (Varisius Matera), Lemma (Santarcangiolese): 5 reti.
do.pa.
IL VARISIUS Matera è senz'altro la squadra del momento del campionato regionale cadetto. L'undici di mister Tucci ha inanellato tre vittorie di fila, avvicinandosi notevolmente alla zona play-off.
Domenica scorsa hanno deciso l'incontro casalingo col Bella le marcature di Armaiuoli e Volpe, che finora hanno messo a segno cinque realizzazioni a testa. La scalata verso l'alta classifica del torneo di Promozione è cominciata qualche settimana fa (ottavo turno), dopo l'insuccesso interno contro il Real Irsina (0-1 il risultato finale). All'indomani di quel ko di misura, la formazione materana non si è più fermata, mandando al tappeto un avversario dopo l'altro. Prima è toccato al Lagonegro pagare dazio (4-1), poi è stato il turno del Lagopesole, sconfitto a domicilio per due reti a zero. Domenica è arrivato il terzo sorriso a spese del Bella. Nel prossimo turno, il Varisius Matera cercherà di confermarsi anche sul difficile campo del Pescopagano. (do.pa)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?