Salta al contenuto principale

Serie D, La Vigor Lamezia smentisce le accuse

Basilicata

La Vigor Lamezia è accusata di non meritare la vittoria della scorsa giornata di campionato contro il Sambiase

Tempo di lettura: 
1 minuto 25 secondi

Un'accusa alla quale segue subito la replica dell'allenatore biancoverde, Pino Rigoli non tarda ad arrivare, nonostante anche qualcuno della Vigor sostenga la tesi del Sambiase. A pochi giorni dalla sfida tra Vigor Lamezia-Sambiase le voci su una vittoria non meritata della squadra lametina ancora continuano a circolare, e ad insinuarsi tra le panchine delle due interessate. Voci che non arrivano solamente dalla società della squadra giallorossa, ma anche dalla panchina biancoverde. Infatti qualcuno lamenta le pessime prestazione della squadra, e le pagine del Quotidiano della Calabria riportano le parole del centrocampista Benedetto Mangiapane che a fine gara così si è espresso: "Bisogna cambiare registro se si vuole vincere il campionato". Ma l'allenatore del Vigor non ci sta e commenta così, sempre sul Quotidiano una partita che secondo lui ha visto sottolinerare solo i lati negativi della squadra: "Non mi sembra che la Vigor ha fatto tutto male, anzi nei primi 20 minuti abbiamo fatto una grande prestazione, dove potevamo benissimamente passare in vantaggio in due situazioni" e continua dicendo: "Abbiamo subito un gol in modo fortunoso e prima, sullo 0-0 c'era un rigore nettissimo su Cosa. Non vedo quindi dove abbiamo scippato la vittoria al Sambiase. Dopo che abbiamo subito il gol abbiamo giocato sollo nella loro metà campo. E' vero che sotto l'aspetto del gioco siamo stati meno brillanti del solito, ma il Sambiase non meritava assolutamente la vittoria, e noi non abbiamo rubato niente a nessuno. Ognuno poi, dice quello che vuole". Con questa affermazione risponde anche al suo giocatore ribadendo che nel momento in cui si parla ci si prende la responsabilità di ciò che si sta dicendo. Intanto guardando il calendario degli incontri si comincia a pensare al match contro il Rosarno.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?