Salta al contenuto principale

Terremoti. Loiero soddisfatto della nuova legge regionale

Basilicata

Il Governatore della Regione si è detto soddisfatto della nuova legge sui terremoti presentata alla stampa oggi nel corso di una conferenza stampa convocata ad hoc: «La Calabria fra le prime d'Italia»

Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi

«Sono molto soddisfatto di questa normativa che è frutto del lavoro avviato dal 2007 grazie alla convenzione siglata con la Fondazione Eucentre». Lo ha detto il presidente della Regione, Agazio Loiero, che ha partecipato a Catanzaro alla presentazione della legge regionale “Costruzioni in zona sismica». All’illustrazione della normativa hanno preso parte l'assessore regionale ai Lavori pubblici, Luigi Incarnato; il dirigente di settore del Dipartimento Lavori pubblici, Luigi Zinno, ed i rappresentanti di Eucentre (Centro europeo di formazione e ricerca in ingegneria sismica): il prof. Rui Pinho del comitato di coordinamento, Fabio Germagnoli direttore della struttura e l’esperta Barbara Borzi. La legge regionale, è stato spiegato, fissa le procedure per la denuncia, il deposito e l’autorizzazione di interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in materia di ingegneria sismica. La legge è attuata attraverso un regolamento regionale che stabilisce la denuncia e la trasmissione di interventi di carattere strutturale su edifici e ponti, la valutazione degli effetti per interventi di tipo edilizio e piani territoriali. Previsto l’utilizzo, come strumento di denuncia e trasmissione delle pratiche e di gestione del territorio, di sistemi informatici accessibili sul web (Sierc e Siterc). Il quadro di attività è stato definito con il supporto scientifico e tecnico di Eucentre, che è una fondazione di ricerca costituita dal Dipartimento della Protezione civile della Presidenza del Consiglio, dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, dall’Università e dall’Istituto di studi superiori di Pavia. Dalla collaborazione è nata la nuova normativa sismica assieme alla pianificazione delle azioni di formazione per i tecnici interessati e l'attività di monitoraggio delle opere infrastrutturali di interesse strategico. «Quello realizzato – ha detto ancora Loiero – è un ottimo lavoro che diventa ancora più rilevante se si pensa che la Calabria è una delle prime se non la prima regione ad avere legiferato dopo la sentenza della Corte costituzionale del 2006. Questo progetto da noi avviato è stato presentato alla Fiera di Bologna lo scorso ottobre e il modello è oggetto di studio da parte della Regione Emilia Romagna». «Con questa legge – ha detto l’assessore Incarnato – abbiamo realizzato un grande equilibrio. Si è aumentata, da un lato, la responsabilità del progettista e, dall’altro, è cresciuto molto il controllo pubblico. In Calabria ci siamo mossi all’indomani della sentenza della Consulta alla luce del fatto che la regione vede 268 comuni classificati in zona 1 a massimo rischio sismico e 148 in zona 2. Il risultato ottenuto, con la legge e il regolamento, ci consente adesso di attuare un vero e proprio salto culturale». «Il metodo di collaborazione avviato con enti e professionisti – ha detto ancora Incarnato – dovrà adesso proseguire per l’attuazione di controlli periodici con scadenzari per stabilire il grado di sismicità delle strutture». L’assessore ha sottolineato anche l’importanza della fase formativa che tra Regione, enti locali e ordini professionali (ingegneri, architetti, geometri e geologi), coinvolge circa 500 addetti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?