Salta al contenuto principale

Calcio-1ª Divisione: Il Cosenza 1914
non spicca il volo

Basilicata

I rossoblù vittime di una discontinuità che non permette di puntare in alto. Tra sofferenze in trasferta e nodi irrisolti si attende il mercato di gennaio

Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

Si potrebbe ipotizzare che la discontinuità del Cosenza 1914 sia frutto semplicemente di un mal di trasferta e, se si guarda il cammino dei Lupi , sembrano arrivare conferme questa ipotesi_ 14 dei 17 gol subiti dai rossoblu, sono infatti arrivati lontano dalle mura amiche. Quello che si nota però, aldilà delle partita incriminate sono veri problemi strutturali presenti dall' inizio della stagione. La gara di Ravenna ha confermato che si commettono troppi errori e non solo in difesa: ci sono problemi come quelli delle imprecisioni sotto porta, degli errori di Biancolino (stavolta anche dal dischetto), oppure i quasi-gol di Danti che anche in Romagna ha colpito un palo e giocato bene, ma senza concretizzare la fase offensiva. Sono elementi da mettere sul piatto della bilancia, necessari a individuare dove e in che modo cercare una crescita non più rinviabile se si vuole puntare alle prime posizioni.
Dunque, compatibilmente con le possibilità economiche, è necessario intervenire con intelligenza sul prossimo mercato di gennaio e colmare i buchi neri che annientano le qualità pur evidenti dei Lupi. Senza dimenticare che quest’anno, ancor più che nelle precedenti stagioni, Mimmo Toscano sta lavorando bene e la squadra si esprime con una identità tattica precisa. Il Cosenza, evidentemente, non riesce neanche ad esser compatto, come l’allenatore vorrebbe, soprattutto nelle gare lontano dalle mura amiche. Diverso il caso del San Vito dove per gli avversari segnare diventa difficile, o quasi impossibile: solo tre le reti incassate.
Domenica ancora uno scontro diretto, per l'ultima esibizione interna del girone d'andata. Arriva al San Vito il Portogruaro, una delle migliori realtà del girone che, dall'inizio, sta mantenendo fede al ruolo di sorpresa e mina vagante del girone, con un buon organico e un allenatore emergente come Calori. Poi, attesa per il match in posticipo a Taranto e i novanta minuti natalizi del 20 dicembre contro la Spal. Probabile che per il 2010 il Cosenza avrà più chiaro il proprio obiettivo stagionale. Si spera dunque nel mercato di gennaio per trovare le soluzioni alle carenze dei rossoblu.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?