Salta al contenuto principale

Rifiuti, la commissione d'inchiesta a Cosenza.
Pecorella: "In Calabria il sistema è vicino al collasso"

Basilicata

Gaetano Pecorella, presidente della Commissione d’inchiesta sugli illeciti connessi al ciclo dei rifiuti, oggi alla Prefettura di Cosenza

Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi

«Bisogna che ci sia una generale ristrutturazione nella situazione dei rifiuti in Calabria, perchè altrimenti la fine della capacità di assorbimento delle discariche e la presenza di infiltrazioni criminali renderà sempre più difficile la gestione di questo settore grave che è lo smaltimento dei rifiuti».
Lo ha detto Gaetano Pecorella, presidente della Commissione d’inchiesta sugli illeciti connessi al ciclo dei rifiuti, oggi presente per le ultime audizioni con i procuratori calabresi nella Prefettura di Cosenza.
Durante la breve conferenza stampa, seguita agli incontri di oggi e dei giorni scorsi, Pecorella ha detto che «la sintesi di queste nostre audizioni è la seguente: sul piano amministrativo, abbiamo preso atto che ci sono fortissimi indebitamenti dei comuni nei confronti delle ditte che si occupano della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti».
In riferimento a Cosenza, Pecorella ha precisato di aver preso atto che mancano le strutture per lo smaltimento. «I rifiuti vanno portati a molta distanza e con costi molto alti, e le ditte falliscono», ha detto il presidente della Commissione. «Le discariche funzionanti si stanno esaurendo, per cui siamo vicini ad una situazione di collasso del sistema».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?