Salta al contenuto principale

Rifiuti, la commissione d'inchiesta a Cosenza
e la situazione della Vallecrati

Basilicata

Dopo la visita della commissione parlamentare d'inchiesta a Cosenza, arriva anche l'impegno dell'assessore regionale al ramo, Silvio Greco

Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

L'assemblea della Valle Crati delibererà oggi la messa in liquidazione della stessa società. Lo ha annunciato ieri il sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini, nel corso dell’audizione davanti ai componenti la Commissione parlamentare d’inchiesta sugli illeciti connessi al ciclo dei rifiuti.
La Valle Crati è una società a capitale misto, composta dal Consorzio Valle Crati (che raggruppa 43 sindaci del cosentino) che ne detiene il 51%, e da una componente privata che per domani ha fissato l’assemblea della Spa con all’ordine del giorno un solo punto, la messa in liquidazione.
In seguito a questa convocazione, Perugini ha fissato l'assemblea del Consorzio, che ha deliberato di procedere alla liquidazione della società. Decisione che domani sarà ratificata dall’assemblea della Spa. Ieri la Commissione, oltre al sindaco, ha sentito il presidente della Provincia, Mario Oliverio, il sindaco di Castrolibero, Orlandino Greco, il prefetto di Cosenza, Melchiorre Fallica, ed il questore Giovanni Bartolomeo Scifo.
Secondo quanto riferito ai commissari, in provincia di Cosenza sono 160 le discariche abusive accertate, mentre al momento non sarebbe stato ancora possibile stabilire se nel ciclo dello smaltimento dei rifiuti vi siano tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata. Domani la Commissione concluderà la sua tre giorni in Calabria con altre audizioni, sempre a Cosenza, dei rappresentanti della società Valle Crati, del Procuratore generale di Catanzaro e dei Procuratori della Repubblica che hanno svolto o stanno svolgendo indagini nelle materie di interesse della Commissione d’inchiesta.
Intanto l'assessore regionale all’Ambiente Silvio Greco ha incontrato ieri a Catanzaro, nella sede del dipartimento, i sindacati provinciali e i rappresentanti sindacali dell’azienda Vallecrati spa, per discutere della situazione dei lavoratori e delle prospettive a medio termine.
All’incontro era presente l’assessore provinciale all’Ambiente di Cosenza Ferdinando Aiello. «L'assessore Greco ha assicurato un’accelerazione dei tempi burocratici riguardo al controllo e all’approvazione dei progetti presentati in materia di raccolta differenziata dai Comuni e dalle unioni di Comuni per fare in modo che entro l'inizio del prossimo mese di marzo siano già esecutivi i progetti e che i dipendenti della Vallecrati spa possano, così, iniziare le loro attività lavorative».
«Greco si è anche impegnato – riporta una nota – a costituire un tavolo tecnico assieme all’assessore regionale alle Politiche sociali, Mario Maiolo, affinchè si affronti e si discuta il tema degli ammortizzatori sociali in deroga, facendo così ripartire sia la raccolta differenziata che l'indifferenziata nelle zone di pertinenza della Vallecrati. L'assessore Greco ha rassicurato i presenti anche del fatto che ha già espletato, per quanto di competenza del suo assessorato, l'iter burocratico indirizzato al passaggio di competenze sulla raccolta dei rifiuti alle province». «L'assessore provinciale Aiello ha evidenziato, invece il proprio impegno a intervenire sull'Ato provinciale di Cosenza in modo da agevolare il percorso inerente il trasferimento dei pagamenti delle tariffe dai Comuni direttamente all’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti. I rappresentanti dei sindacati hanno ribadito, dal canto loro, l'importanza di tali incontri in cui oltre ad esserci una seria opportunità di confronto, viene fuori proprio un’idea nuova di Calabria».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?