Salta al contenuto principale

Il sindaco di Cosenza incontra
il console onorario elvetico

Basilicata

Il Sindaco Peruginiha concordato con il console sull'opportunità di avere rapporti più stretti tra le Istituzioni locali e la Confederazione Elvetica

Tempo di lettura: 
1 minuto 25 secondi

Il Console Onorario della Confederazione Elvetica per la Calabria, Avvocato Renato G. Vitetta, ha fatto visita questa mattina al Sindaco di Cosenza, Avvocato Salvatore Perugini. Il Console – la cui sede istituzionale è a Reggio Calabria – ha sottolineato che quella di oggi è la sua prima visita a Cosenza, nella cui provincia risiedono circa 450 dei 1084 svizzeri che vivono in tutta la Calabria, persone – ha evidenziato – che in questa regione si trovano molto bene. Così come sono molti i calabresi che hanno scelto di restare in Svizzera per ragioni di lavoro e apprezzandone la qualità della vita. Inoltre, ha detto ancora l'Avvocato Vitetta, la nostra regione – e la provincia di Cosenza in particolare – è meta di molti turisti provenienti dalla Svizzera. Per questi motivi, la Confederazione Elvetica guarda alla Calabria con grande interesse e le visite che il Console sta facendo hanno lo scopo di sviluppare un rapporto più intenso con le Istituzioni calabresi, in modo che si possano allacciare relazioni costanti in tema di turismo, settore agroalimentare, beni culturali. Il Sindaco Perugini ha ringraziato il Console per la gradita visita, concordando sull'opportunità di avere rapporti più stretti tra le Istituzioni locali e la Confederazione Elvetica, in modo da valorizzare tutto ciò che può costituire occasione di incontro e di sviluppo. Nel corso del cordiale colloquio, l'Avvocato Vitetta – accompagnato a Palazzo dei Bruzi da amici cosentini, tra cui il Consigliere Comunale Cataldo Savastano - ha fatto dono al Sindaco Perugini di una targa in ricordo dell’incontro di oggi e di alcune pubblicazioni; il Sindaco ha ricambiato con lo stemma della Città e l’opera di Enzo Stancati su «Cosenza nei suoi quartieri». Prima di congedarsi, il Console ha apposto la propria firma nel Libro d’onore del Comune.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?