Salta al contenuto principale

Regionali, i Verdi valutano la partecipazione alle primarie

Basilicata

Nel corso di un incontro svoltosi a Cosenza i vertici regionali del partito ambientalista hanno resa nota l'ipotesi che i Verdi possano partecipare alle prossime primarie con un proprio candidato

Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

I Verdi stanno valutando se presentare un loro candidato alle primarie per le selezione dei candidati alla presidenza della Regione. L’ipotesi è stata esaminata nel corso di una riunione convocata dal segretario provinciale di Cosenza dei Verdi, Francesco Monaco, cui hanno partecipato il presidente regionale, Felicita Cinnante, il consigliere provinciale Mario Giordano e Diego Tommasi, presidente dell’Asi di Cosenza. Alle riunione erano presenti gli esponenti dei Verdi che rappresentano il partito nelle istituzioni. «Scopo della riunione – è detto in un comunicato – è stato quello di fare il punto sulla situazione politica provinciale, anche alla luce delle prossime scadenze elettorali, al fine di valutare, insieme, le opportunità e le prospettive dei Verdi nel prossimo panorama politico regionale. Durante la riunione, oltre ad avere discusso delle varie problematiche dei territori di appartenenza e della necessità di rilanciare la politica dei Verdi, che tenga conto delle reali esigenze dei territori e delle mutate condizioni socio economiche della comunità calabrese, si è discusso anche della partecipazione dei Verdi alle prossime elezioni regionali e magari anche alle primarie del 10 gennaio con un proprio candidato. A tale proposito tutti hanno concordato sulla necessità di affermare, con determinazione, la presenza dei Verdi, con proprie liste e candidati autorevoli, partendo proprio da quei quadri dirigenti che già oggi rappresentano egregiamente il partito, in tutte le prossime consultazioni elettorali, soprattutto oggi che vede le politiche ambientali e sociali al centro degli scenari nazionali e locali sempre più trascurate a causa della mancanza, nelle sedi istituzionali (Parlamento, Consiglio regionale, ecc.), delle rappresentaze politiche che storicamente si sono occupate delle suddette tematiche socio-ambientali». «Per evitare – si afferma ancora nella nota – che ancora una volta le assisi regionali e locali vedano assenti i partiti che più di altri possano rappresentare i ceti più deboli della popolazione e le politiche a favore di un’ambiente più sano, tutti gli amministratori in carica, partendo da Rende con l'assessore Giraldi ed a Rossano con l’assessore Marino, passando per Acri ove si sta discutendo su chi schierare in prima linea così come negli altri comuni, hanno dato la propria disponibilità a partecipare, alle prossime consultazioni elettorali nel caso il partito dovesse ritenerlo utile e necessario».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?