Salta al contenuto principale

Bradanica, cantieri aperti entro l'estate

Basilicata

L'assessore provinciale Gianni Rondinone traccia il punto delle priorità sul Materano in tema di viabilità e illustra anche i progetti futuri in campo viario e le speranze legate ai collegamenti ferro

Tempo di lettura: 
2 minuti 39 secondi

di PIERO QUARTO
MATERA - «La Regione e la Provincia devono compensare in tema di viabilità a quelle che sono le carenze del Governo nazionale che ci ha lasciato fuori e con pochi fondi a disposizione».
Comincia così la chiacchierata che il “Quotidiano” ha fatto con l’assessore provinciale alla Viabilità Gianni Rondinone nell’ambito di un settore che presenta i maggiori investimenti economici ma anche grandi attese perchè coinvolge quotidianamente gran parte dei cittadini che si spostano dai paesi della provincia e che spesso cercano un raccordo più agevole e veloce verso Matera. «Il Governo ha bloccato gli investimenti e non ne ha voluto sapere di collegamenti come quello autostradale, che sarebbe utilissimo, per legare Matera a Gioia del Colle o come l’ asse strategico quale la Murgia-Pollino che avrebbe contribuito a decongestionare una strada troppo trafficata e che sta diventando inadeguata come la statale 7».
«Noi continuaiamo a fronteggiare l’emergenza ed il deficit infrastrutturale della Provincia e muoviamo gli indicatori per dare respiro al piano di viabilità».
Poi entriamo maggiormente nello specifico cominciando a parlare dei lavori che riguardano la 175: «tra qualche settimana completeremo l’asse viario che contiamo di completare prima dell’estate». Poi l’altro tratto fondamentale, l’altro appalto importante in corso cioè la Cavonica: «i lavori hanno subito rallentamenti ma ora andranno avanti più speditamente perchè siamo riusciti a superare alcuni vincoli che vi erano. Presto poi completeremo anche la Matera-Grassano i cui lavori sono finiti al 90 per cento. In primavera sarà pronta».
Quindi si passa a parlare della Bradanica e del terzo lotto che parte da Aia del Cavallo: «la gara di appalto si sta chiudendo per oltre 10 milioni di euro, penso e spero che si possano avviare i cantieri entro l’estate».
Rondinone sottolinea poi anche la necessità di verificare i collegamenti con la vicina Puglia, l’attenzione per i lavori con la copertura economica già presente come quelli che riguardano la Matera-Bari (“importante funzione di raccordo con l’aeroporto”) ma anche i collegamenti con Taranto (“stiamo candidando nel piano di viabilità un progetto che da Rondinelle porta a Laterza per circa 10 milioni di euro e che è a livello del progetto preliminare da predisporre nelle prossime settimane»).
Il lavoro in corso si va sviluppando lungo due direttrici la prima è la cosiddetta trasversale alta che, come spiega Rondinone, dovrà collegare: «i paesi dell’interno in modo da poter raggiungere più velocemente sia la Basentana sia i due capoluoghi». In questo caso i lavori sono già in corso con la Cavonica ed a buon punto. Poi vi è anche la cosiddetta trasversale alta che dovrebbe collegare Pozzitello a Pisticci Scalo con Tursi nell’ambito di un progetto da 39 milioni di euro inserito nei fondi Fas e per il quale si attende di avviare la progettazione: «aspettiamo che il Governo sblocchi questi fondi per poter iniziare, sarebbe molto importante perchè ridurrebbe di molto la distanza dei Comuni con Matera e poi agevolerebbe anche alcuni Comuni della Val Camastra e del Potentino che potrebbero raggiungere più velocemente la Basentana. E’ per questo che intendiamo aprire subito un interlocuzione con la Provincia di Potenza per condividere, anche attraverso loro risorse, un progetto che darebbe risposte anche a quel territorio».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?