Salta al contenuto principale

Vallecrati, le forze dell'ordine al Comune di Cosenza.
Dipendenti si spostano sul tetto

Basilicata

Dopo la richiesta d'intervento delle forze dell'ordine per sgomberare il Comune dai dipendenti della Vallecrati, da parte del consigliere comunale Ciacco, si sono verificati momenti di tensione in pia

Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Il consigliere di Idv al Comune di Cosenza, Antonio Ciacco, ha presentato una richiesta formale al procuratore aggiunto Domenico Airoma affinchè sia ordinato lo sgombero del Palazzo Municipale, occupato da ieri dai lavoratori della Valle Crati Spa. «Il Palazzo Municipale – ha sostenuto Ciacco – è trasformato, in queste ore, in un indecente teatro di volgare violenza, di brutale vandalismo, di becero teppismo. Una situazione che sfregia lo spirito pubblico della Città e, come tale, assolutamente intollerabile. Rispetto alla situazione occorre, però, registrare un atteggiamento troppo prudente da parte delle forze dell’ordine. Un atteggiamento che, con il passare delle ore, sta evolvendo, inspiegabilmente, in eccessiva indulgenza. Generando, obiettivamente qualche preoccupata perplessità».
E successivamente alla richiesta di Ciacco, sono arrivate davanti al palazzo municipale di Cosenza numerosi mezzi di polizia e della celere in particolare, anche se non si sono verificate cariche vere e proprie, ma anzi sono state evitate ritorsioni ad esponenti politici.
Le forze dell'ordine sono riuscite a far allontanare i circa 60 dipendenti della Vallecrati, ma in cinque sono rimasti all'interno del Comune e si sono piazzati sul tetto. I lavoratori che sono stati allontanati dalla polizia, sono rimasti comunque a presidiare la piazza antistante il Comune.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?