Salta al contenuto principale

Serie B. Crotone e Gallipoli si ritrovano

Basilicata

Il tecnico Lerda schiera Mazzarani e non Cutolo, in mediana giocherà ancora De Martino. Ultima gara del 2009 allo “Scida”: arriva il Gallipoli del “principe” Giannini

Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

Sono passati otto mesi da quello scontro diretto di fine aprile, decisivo per la promozione diretta in serie B senza passare dai play-off, Crotone e Gallipoli si ritrovano. Ora però le due squadre sono profondamente diverse.
Il Gallipoli, messo insieme a tempo di record dopo le note, paradossali vicende post-promozione è squadra difficile da affrontare: Giannini sembra abbarbicato a un 3-5-2 che però non è esattamente un modo per alzare la coperta ben oltre la chierica, com’è di solito.
Lerda invece deve sciogliere il solito dubbio per la trequarti e si prepara a varare una squadra del tutto simile a quella di Torino e di Trieste, e per almeno un paio di buoni motivi. Il primo è che è difficile cambiare assetto e uomini se c’è il conforto dei risultati; il secondo è che in questa maniera, e cioè con De Martino in mediana e Petrilli e Gabionetta sui lati l’assetto sembra equilibrato e gagliardo al tempo stesso. La difesa sarà quella titolare e l’attende il compito più difficile: quella composta da Ginestra e Di Carmine, entrambi in passato nel mirino dei dirigenti d el Crotone, il primo corteggiatissimo l’estate scorsa, è una coppia ben assortita per tecnica e forza fisica. Legati e Galeoto, entrambi diffidati, devono pure stare attenti ai cartellini. C’è Cutolo che scalpita, e prima o dopo l’occasione di riproporsi gli verrà di sicuro concessa. L’impressione è che non possa avvenire oggi, anche perché Mazzarani sta bene. Atteso un pubblico piuttosto numeroso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?