Salta al contenuto principale

Eccellenza, il punto
dopo la quattordicesima

Basilicata

La frenata di Oppido e Ricigliano agevola il compito di Fortis Murgia e Valdiano, che corrono più delle altre. Per il Ferrandina segnali di risveglio: è il primo pareggio della stagione

Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

FORTIS MURGIA e Ruggiero Valdiano viaggiano sicuramente su un treno ad alta velocità, rispetto all'Angelo Cristofaro ed al Ricigliano che, invece, devono accontentarsi di una vecchia locomotiva del passato. Si è letteralmente spaccata, nella parte alta, la classifica di Eccellenza, ad un turno dal giro di boa del campionato. L'attuale capolista di mister Squicciarini ed il Valdiano di Masullo hanno preso il largo sulle immediate inseguitrici. Soltanto il sorprendente Viggiano ha tenuto testa alle due battistrada, domenica scorsa. In una giornata di campionato ricchissima di gol (ben trentaquattro), il Fortis Murgia ha battuto uno “spigoloso” Policoro, che aveva momentaneamente pareggiato i conti, prima di capitolare ai piedi di Petruzzella. Nell'anomalo derby campano dell'Eccellenza lucana, tra il Ruggiero Valdiano ed il Ricigliano, si è acuito il momento negativo del team salernitano, caro a mister Dente. I valdianesi, infatti, non hanno avuto pietà del Ricigliano, battuto dalle reti di Spinelli e Salamone. Brutto colpo esterno rimediato dall'Angelo Cristofaro Oppido nella tana del Borussia Pleiade. Il sodalizio guidato da Manniello è stato trafitto per ben due volte dall'undici policorese ed ora è distante sette lunghezze dalla leadership. Se nell'Alto Bradano c'è chi piange, in Val d'Agri c'è, invece, chi fa ampi sorrisi. Il Viggiano si è addirittura appropriato della zona-podio annichilendo, in esterna ed in rimonta, il Real Tolve. Benedetto non è bastato alla squadra di Caprioli, surclassata da Sanchirico, Cicchelli V. e Campisano. Scoppiettante pari, a suon di reti, tra l'Avigliano e l'Atella Monticchio. I granata di Filadelfia hanno pregustato il successo con il doppio vantaggio, prima di essere riacciuffati, in extremis, dall'indomita formazione vulturina. Con lo sguardo rivolto sempre al Vulture, il Rionero ha strapazzato per benino il Genzano Banzi con una quaterna. Murese a valanga sull'Irsinese (straordinario Dutra con un pokerissimo) e primo punto stagionale per il Ferrandina, che ha addirittura sfiorato il colpaccio a Picerno.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?