Salta al contenuto principale

La sanità calabrese non sarà commissariata.
Firmato il patto di rientro del debito

Basilicata

Con la firma dell’accordo vengono sbloccati fondi incagliati per 700 milioni di euro necessari per l’ammodernamento tecnico-strutturale degli ospedali calabresi

Tempo di lettura: 
0 minuti 40 secondi

Non sarà commissariata la Sanità calabresea. Il presidente della Regione, Agazio Loiero, ha firmato con i ministri dell’Economia Giulio Tremonti, il ministro della Sanità Ferruccio Fazio e con il via libera del ministro delle Regioni Raffaele Fitto, il patto di rientro del debito.
«Con la firma dell’accordo - spiega una nota del Portavioce di Loiero - vengono sbloccati fondi incagliati per 700 milioni di euro necessari per l’ammodernamento tecnico-strutturale degli ospedali calabresi.
Il presidente Loiero, inoltre, viene nominato commissario per l’emergenza ambientale al posto di Vincenzo Spaziante che da quasi un anno aveva sostanzialmente abbandonato l’incarico e sarà accelerata, così, la costruzione dei quattro nuovi ospedali già programmati. La Regione Calabria si doterà di un Ufficio per il Piano di rientro, per la cui attuazione è stata affiancata la Regione Toscana».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?