Salta al contenuto principale

Droga: operazione Pony Express, 55 arresti
anche a Cosenza, Reggio e Catanzaro

Basilicata

L’accusa è di associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di eroina. I dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che avrà luogo alle 10 presso

Tempo di lettura: 
2 minuti 2 secondi

Cinquantacinque ordinanze di custodia cautelare sono state firmate dal gip del tribunale di Catanzaro, Tiziana Macrì, nell’ambito dell’inchiesta dei pm Curcio e Petrolo su un traffico di stupefacenti nell’area catanzarese, napoletana e catanese negli ultimi due anni. L'esecuzione dei provvedimenti restrittivi, disposti nell’ambito dell’operazione 'Pony Express', ha impegnato oltre 400 uomini dei comandi provinciali carabinieri di Catanzaro, Catania, Napoli, Cosenza e Reggio Calabria, nonchè elicotteri dell’ottavo elinucleo carabinieri di Vibo Valentia, numerose unità cinofile antidroga del nucleo carabinieri cinofili di Vibo, quattro squadre di carabinieri cacciatori, militari Cio battaglione Sicilia e della compagnia speciale di Vibo Valentia.
L’accusa è di associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di eroina.
Gli arrestati erano parte integrante di tre gruppi criminali che gestivano e organizzavano un rilevante traffico di sostanze stupefacenti nel comune di Catanzaro e nei centri limitrofi, rifornendosi dalla piazza napoletana e catanese. Nel corso dell’indagine sono stati sequestrati circa 4 kg di eroina suddivisa in migliaia di dosi pronte allo spaccio.
Il nome particolare dell’operazione trae origine dal 'modus operandi' dei gruppi suddetti che avevano organizzato un vero e proprio servizio di corriere (appunto pony express) tra Napoli, il capoluogo calabrese e Catania. Gli arrestati sono stati portati presso le case circondariali di Siano, Vibo Valentia, Crotone e di Castrovillari.
Le 55 ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Catanzaro sono state eseguite tutte, undici erano già detenuti per altra causa.
A Catanzaro sono stati arrestati Maria Berlingieri, di 74 anni; Roberto Berlingieri (24); Silvano Berlingieri (37); Massimo Bubba (36); Adalberto Candido (30); Pasquale Cappellano (38); Stefano Critelli (34); Fabrizio Critelli (22); Gino De Zerbi (25); Vincenzo Lambitelli (32); Anna Latelli (26); Aliso Macrì (23); Marianna Mamone (23); Pantaleone Mamone (57); Antonio Passalacqua (34); Romina Passalacqua (34); Giuseppe Posella (24); Angelo Raffaele 35); Claudio Raffaele (44); Vittorio Raffaele (28); Pasquale Rotundo (21); Antonio Silipo (37); Pietro Silipo (21); Giovanna Tassone (29); Immacolata Veneziano (31); Giuseppe Turcomanni (20); Alessandro Critelli (32); Antonio Mancuso (28); Francesco Passalacqua (28); Antonio Passalacqua (24); Romano Ponzo (38).
A Napoli sono stati arrestati Rosa Alterio (40) ed il marito Fortunato Castaldo (40).
Le persone arrestate a Catania sono Domenico Contarini (38); Antonio Nicolosi (32); Alessandro De Luca (34); Sergio Locastro (45), mentre una terza persona, Domenico Carmelo Di Benedetto (52) è stata bloccata a Palermo.
Due persone sono state arrestate a Reggio Calabria, Gianluca Manno (30) e Mirko Pironaci (24), una a Cosenza, Tiziana Bruno (25), ed una a Vibo Valentia, Domenico Mancuso (29).
Nella zona di Soverato, infine, sono stati arrestati Marco Abbruzzo (29); Juri Bartolotti (34); Ernesto Bertucci (29); Vittorio Cristofaro (41); Shara Cuoci (22); Giuseppa Di Mauro (39); Antonio Longo (32); Stefano Longo (20); Giuseppe Notaro (22); Alessandro Rotella (28); Giuseppe Scerbo (32); Gianluca Spadea (28) e Pietro Tavano (40).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?