Salta al contenuto principale

Rossano, l'associazione "Il Baluardo":
«No allo spettacolo di Travaglio»

Basilicata

L'Associazione Il Baluardo spiega i motivi per cui ha chiesto al sindaco di Rossano di annullare la data del giornalista Marco Travaglio

Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

Annullare o revocare lo spettacolo «15 anni di storia d’Italia ai confini della realta» di e con Marco Travaglio in programma ad aprile e inserito nella stagione teatrale 2009-2010 del Comune di Rossano: è la richiesta rivolta al sindaco della città calabrese, Franco Filareto, dall’associazione «Il Baluardo».
«Consentire che Marco Travaglio,a spese della collettività, possa essere uno dei protagonisti della stagione teatrale – è scritto in una nota dell’associazione – alla luce delle deliranti farneticazioni diffuse via web dal noto giornalista nei giorni scorsi, nel contesto di un clima politico nazionale gravemente inquinato da odio e toni esagerati, rappresenterebbe una scelta avventata e poco ponderata».
«Le recenti ed esecrabili azioni di violenza contro il presidente del Consiglio a Milano – è detto nella nota – il disegno perpetrato da qualche gruppo politico, sia all’interno che fuori dall’arco costituzionale, di incancrenire il dibattito politico, portandolo scientificamente nelle piazze, ci impongono prima come cittadini italiani, poi come comunità rossanese a prendere le dovute distanze, preoccupati in generale dalla crescente tensione sociale ed in particolare dalle scelte avventate e poco ponderate del sindaco Franco Filareto e della sua giunta che potrebbero innescare analoghi conflitti».
«Chiediamo al sindaco e all’Amministrazione tutta – conclude la nota – di prendere pubblicamente le distanze dalle affermazioni di Travaglio e di revocare o annullare la serata che lo vedrebbe protagonista sulla scena teatrale a Rossano perchè persona indesiderata. Invitiamo tutte le associazioni di Rossano a condividere apertamente il nostro dissenso, mentre auspichiamo un forte intervento da parte dei rappresentanti politici e parlamentari locali, per non dar seguito all’evento programmato».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?