Salta al contenuto principale

Bronzi di Riace: per la prima volta
dopo 28 anni, cambiano location

Basilicata

Le statue, dopo essere state sistemate in speciali sarcofagi, sono state poste al'interno di furgoni dotati di climatizzazione, e depositati nell'aula Monteleone

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

Per la prima volta dopo 28 anni, i Bronzi di Riace hanno lasciato la loro sede naturale, il Museo nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria che nei prossimi mesi sarà interessato da lavori di ristrutturazione. In più occasioni, le statue erano state richieste per manifestazioni di carattere internazionale, l’ultima delle quali in occasione del G8 che si svolto in Italia quest’anno, ma solo stamani, tra eccezionali misure di tutela, hanno lasciato il Museo che le ospita dal 1981, per spostarsi nella sede del Consiglio regionale della Calabria dove saranno restaurate. Il trasporto dei due guerrieri, depositati nell’aula Federica Monteleone, non ha presentato problemi ed è stato curato da una ditta particolarmente attrezzata per l’esecuzione di interventi del genere.
Le statue, dopo essere state sistemate in speciali sarcofagi, sono state poste al'interno di furgoni dotati di climatizzazione. Le operazioni di trasferimento sono state coordinate dalla Soprintendente archeologica Simonetta Bonomi. All’arrivo nella sede del Consiglio regionale erano presenti il presidente dell’Assemblea, Giuseppe Bova, e una numerosa rappresentanza del personale della struttura che ha applaudito all’ingresso dei Bronzi.
Da domani mattina le due statue saranno «liberate» dai sarcofaghi e si darà inizio ai lavori di diagnosi sul loro stato da parte dei tecnici dell’Istituto centrale del restauro. Le operazioni di restauro potranno essere seguite, già da domani, dai visitatori che lo vorranno attraverso un’ampia vetrata blindata. Nell’aula Monteleone, inoltre, saranno esposte altre opere del Museo nazionale come i Dioscuri, rinvenuti nell’area Marasà di Locri, la Testa del filosofo e la Testa di Basilea, entrambe opere in bronzo, e un sarcofago marmoreo di epoca magnogreca, ed il Kouros. Secondo quanto riferito dai tecnici, i lavori di intervento sui bronzi dovrebbero durare fino alla fine di giugno 2010.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?