Salta al contenuto principale

Coldiretti Calabria lancia l'iniziativa
«Consuma e spendi calabrese»

Basilicata

L’iniziativa per promuovere e sostenere la filiera agroalimentare regionale

Tempo di lettura: 
2 minuti 32 secondi

«Consuma e spendi calabrese» è lo slogan che ha lanciato la Coldiretti Calabria, in collaborazione con l’Associazione Ionici, per promuovere l’iniziativa che ha come obiettivo quello di sostenere la filiera agroalimentare regionale. Nel corso di una manifestazione svoltasi stamattina a Catanzaro sono stati donati a personalità calabresi cesti-simbolo realizzati da artigiani di Lamezia Terme e contenenti prodotti specifici del settore agroalimentare ed enograstronomico calabrese, battezzati in modo da richiamarne le rispettive identità culturali e storiche: Cassiodoro, Pitagora, i Bruzi, Nosside e Sibari.
L’invito della Coldiretti è che «ci sia da parte di tutti i calabresi, dalle più eminenti personalità al cittadino comune, un impegno costante perchè si realizzi un’adeguata valorizzazione dei prodotti tipici».
Le personalità cui sono stati consegnati i cesti sono i presidenti della Regione e della Provincia di Catanzaro, Agazio Loiero e Wanda Ferro; Maria Perrusi, miss Italia 2009; il caporedattore della Rai della Calabria, Pino Nano; l’orafo Gerardo Sacco; il direttore della sede Inps di Rossano, Maria Giovanna Cassiano, che ha denunciato casi di falsi braccianti agricoli, ed il presidente dell’Unioncamere Calabria, Roberto Salerno.
«La nostra iniziativa – ha detto il presidente di Coldiretti Calabria, Pietro Molinaro (nella foto) – mira a rappresentare la Calabria positiva, quella vera, e di un’agricoltura che guarda al mercato e fa tesoro delle sue potenzialità puntando sui prodotti d’eccellenza. Il made in Calabria è un pezzo importante del made in Italia ed a riconoscercelo è il mercato. Il problema è che ci sono troppi falsi 'made in Calabria'. Per questo, per quanto ci riguarda, ci stiamo impegnando a rappresentare e promuovere i veri prodotti calabresi».
Secondo Molinaro, la consegna dei cesti alle personalità calabresi ha, soprattutto, lo scopo di «sollecitare proprio a loro l’impegno a farsi simbolicamente ambasciatori della Calabria positiva e delle eccellenze regionali per uno sviluppo positivo della regione. Il nostro sforzo come Coldiretti è anche quello di costruire in Calabria un’infrastutturazione di mercato e di sviluppo per dare al cittadino la possibilità di comprare prodotti per troppo tempo dimenticati anche per volontà delle società di grande distribuzione».
Il presidente Loiero ha sostenuto che «l'iniziativa della Coldiretti è importantissima. Ci avviamo – ha aggiunto – verso tempi in cui bisogna impegnarsi in favore dei prodotti locali. Non sarà una forma di autarchia, ma il federalismo fiscale ci spingerà sempre più ad usare i nostri prodotti. Oltretutto si tratta di prodotti quasi sempre di qualità».
Maria Perrusi ha detto di considerare come uno dei suoi impegni «la valorizzazione dei prodotti calabresi. I profumi della nostra terra devono farci sentire orgogliosi e valorizzarli è una missione importante e significativa per tutti. La mia origine calabrese mi riempie di orgoglio e quella di rappresentare nel mondo anche la mia regione, oltre che l'intero Paese, è per me una grande responsabilità».
Nel corso della manifestazione sono stati illustrati due progetti dell’Associazione Ionici, Consumare e spendere calabrese e Magna Grecia Lifestyle. A conclusione dell'iniziativa infine c'è stato uno scambio di auguri per le festività natalizie brindando con il Rosaneti Rosè, spumante delle Cantine Librandi di Cirò Marina a base di Gaglioppo, «principe» dei vitigni autoctoni calabresi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?