Salta al contenuto principale

Quindici feriti per i botti di Capodanno

Basilicata

Il più grave è un pensionato di 73 anni, nel reggino, rischia di perdere un occhio

Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

E' di 15 feriti, secondo una prima stima delle Questure, il bilancio dei ferito per i botti di Capodanno in Calabria. Il più grave è un pensionato di 73 anni, di Reggio Calabria, ricoverato in prognosi riservata perchè rischia di perdere un occhio per l’esplosione di un petardo da lui stesso acceso mentre festeggiava in casa. Sempre a Reggio, un bambino di 7 anni è rimasto ferito al gluteo sinistro da un proiettile vagante. Le sue condizioni non sono gravi e guarità in 20 giorni. Un uomo di 45 anni ha perso la prima falange di un dito della mano destra per l’esplosione di un petardo. Altre cinque persone sono rimaste ferite in maniera lieve. A Vibo Valentia, un trentenne ha riportato una profonda ferita alla mano destra per l’esplosione di un petardo che stava per lanciare, oltre a escoriazioni al volto. I medici lo hanno giudicato guaribile in 30 giorni, ma non dovrebbe perdere la funzionalità dell’arto. Sempre nel vibonese, un uomo di 67 anni è stato ferito alle gambe da due pallini vaganti sparati da una persona non identificata che ha voluto festeggiare l’arrivo del nuovo anno imbracciando un’arma da fuoco. La prognosi per lui è di 15 giorni. Nel catanzarese sono cinque le persone rimaste ferite, tra cui una bambina di 8 anni, ma tutte con lievi escoriazioni guaribili al massimo in sette giorni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?