Salta al contenuto principale

Rossano, incendiata l'auto
di un consigliere provinciale

Basilicata

Il consigliere provinciale Ernesto Rapani, del Pdl, ha presentato una denuncia ai carabinieri

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

Un incendio sulle cui cause sono in corso accertamenti, ha danneggiato a Rossano l’auto del consigliere provinciale del Pdl Ernesto Rapani. Il rogo si è verificato questa mattina, all'alba, e ha interessato marginalmente anche un’altra vettura. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno spento le fiamme. Il consigliere provinciale ha presentato denuncia ai carabinieri che stanno svolgendo le verifiche del caso.
ATTESTATI DI SOLIDARIETA'
Sull'episodio sono intervenuti con una nota congiunta il coordinatore e il vicecoordinatore vicario del Pdl calabrese, Giuseppe Scopelliti e Antonio Gentile: «L'ennesimo, vile attentato di cui è stato vittima il consigliere provinciale del Pdl di Cosenza, Ernesto Rapani, del Pdl – hanno affermato Scopelliti e Gentile – pone il problema della sicurezza degli amministratori e della necessità di proteggere il loro ruolo politico e istituzionale. Al consigliere Rapani la nostra solidarietà. Abbiamo già presentato un esposto in procura a Cosenza che ha una valenza anche per quanto accaduto stanotte a Rossano».
Il senatore Gentile ha aggiunto che «la decisione della Commissione Antimafia che verrà in Calabria e anche a Cosenza servirà a chiarire questi aspetti. La Commissione si occuperà anche delle infiltrazioni criminali che avvengono nella sanità calabrese, con manager spregiudicati che rappresentano gli interessi di forze eversive e di gruppi di potere affaristici e mafiosi».
Solidarietà a Rapani è stata espressa dai gruppi del partito alla Regione e alla Provincia di Cosenza che manifestano «vivo sconcerto per l’attentato incendiario subito dall'amico consigliere provinciale a Rossano. Siamo stufi di dover commentare notizie di questo genere ai danni di nostri dirigenti e militanti e chiediamo alla magistratura di fare piena luce su quanto accaduto. Non possiamo tollerare – continua la nota – che venga turbata la serenità e la tranquillità di intere famiglie. All’amico Rapani il nostro affetto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?