Salta al contenuto principale

Bilancio di inizio anno

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

Un incontro per delineare il bilancio consuntivo dopo poco più di un anno di attività svolta dall’assessorato ai Servizi Demografici, al Decentramento e alle Pari Opportunità. Nella mattinata di ieri, nella sala concerti del Comune di Catanzaro, l’assessore alle pari opportunità, Tommasina Lucchetti, insieme al dirigente del settore, Giuliano Siciliano e all’addetto stampa, Davide Lamanna, hanno richiesto un incontro con la stampa per fare il punto su tutta l’attività portata avanti. «Ho sempre considerato i servizi demografici come un servizio essenziale, il motore intorno al quale ruotano tutti gli uffici del comune; il merito che ha avuto l’assessore Lucchetti è stato quello di attivare tutta una serie di servizi collaterali fermi da 30 anni e in grado di dare ai cittadini grandi vantaggi»; sono queste le parole di stima ed esaltazione usate dall’avvocato Siciliano. In ambito di servizi demografici e decentramento è stata redatta la “Carta Servizi”, utile al cittadino perché fornisce tutte le informazioni sulle prestazioni erogate dal Comune; è stato attivato lo Sportello Lis, unico in Calabria, presso Palazzo De Nobili per venire incontro agli utenti non udenti; lo Sportello Demografico in Carcere e ancora lo Sportello Demografici senza Frontiere, un servizio telematico di ausilio e comunicazione per i colloqui con gli utenti stranieri attivo presso gli sportelli dei Servizi Demografici e, inoltre, la pergamena per i nuovi nati, fatta recapitare dal Comune alle famiglie insieme al primo certificato dell’atto di nascita. Nell’ambito delle Pari Opportunità si è proceduto con la formazione di 140 professori per la diffusione della cultura di genere nelle scuole primarie e secondarie; l’attivazione del Centro Antiviolenza in collaborazione con “Città Solidale”; il Laboratorio di musicoterapia rivolto a dieci donne over 60 in difficoltà e residenti nella zona di Catanzaro Sud; Il Centro di Ascolto per Uomini; il Regolamento per il Coordinamento delle Associazioni Femminili; il Codice di Condotta per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori all’interno delle aziende del territorio comunale provinciale e il Progetto Antiaggressione Femminile rivolto a tutte le ragazze che frequentano l’Istituto Tecnico Industriale “Scalfaro”. Nell’ambito del lavoro, infine, è nato lo Sportello Lavoro in grado di fornire informazioni sui piani europei e l’Expo al femminile.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?