Salta al contenuto principale

Ispettore del lavoro assenteista arrestato a Vibo dai carabinieri

Basilicata

Lasciava l’ ufficio senza permesso, arrestato a Vibo Valentia un ispettore dell’ufficio provinciale del lavoro. È accusato di truffa, falsità ideologica in atto pubblico e danneggiamento

Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Un ispettore dell’ufficio provinciale del lavoro di Vibo Valentia, Andrea Gambardella, è stato arrestato dai carabinieri perchè, dopo aver timbrato l’ ingresso in ufficio, si allontanava senza permesso dalla sua attività. Gambardella, che è detenuto agli arresti domiciliari, è accusato di truffa, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atto pubblico e danneggiamento.
Le indagini dei carabinieri hanno avuto inizio nei mesi scorsi quando l’automobile del dirigente dell’ufficio provinciale del lavoro è stata danneggiata. Gli investigatori hanno quindi iniziato a compiere una serie controlli ed è emerso che Gambardella era sempre il primo ad arrivare in ufficio ma, dopo aver trascorso alcuni minuti, si allontanava dal suo luogo di lavoro.
Durante le indagini i carabinieri hanno accertato anche che l’uomo, in una occasione, si era recato in una pasticceria e, dopo aver comprato un vassoio di dolci, era tornato tranquillamente a casa. In altre circostanze l’uomo usciva dall’ufficio e si recava a fare la spesa al supermercato.
Ieri, dopo aver notato l’ennesima uscita non autorizzata, i carabinieri sono intervenuti ed hanno arrestato Gambardella al suo rientro in ufficio. I carabinieri hanno anche rintracciato un testimone che, il giorno del danneggiamento dell’automobile del dirigente dell’ufficio del lavoro, attraverso una telecamera di sicurezza, aveva visto Gambardella danneggiare il mezzo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?