Salta al contenuto principale

Cosenza, vende dose mortale
ad un tossicodipendente. Arrestato

Basilicata

Giuseppe Sanguellini, conosciuto come «Zip», di Montalto avrebbe causato il decesso di Mario Smeriglio, avvenuto il primo novembre dello scorso anno

Tempo di lettura: 
1 minuto 15 secondi

Aveva venduto una dose di eroina che provocato la morte di un tossicodipendente per overdose. I carabinieri della Compagnia di Rende hanno arrestato Giuseppe Sanguellini, di 49 anni, conosciuto come «Zip», di Montalto Uffugo, centro dell'hinterland cosentino.
L’uomo è accusato di spaccio di sostanza stupefacente e omicidio colposo (morte come conseguenza di altro delitto) per avere causato il decesso di Mario Smeriglio, avvenuto il primo novembre dello scorso anno. Nell’abitazione dela vittima, i carabinieri avevano trovato delle siringhe e delle cosiddette "pietrine" che servono a contenere l’eroina.
Dalle testimonianze della moglie di Smeriglio e di alcuni suoi amici, i carabinieri hanno poi saputo che già in estate Smeriglio aveva avuto un malore, subito dopo avere incontrato un soggetto di Montalto Uffugo già noto alle forze dell’ordine: Sanguellini.
I carabinieri, nel corso di una perquisizione a casa di quest’ultimo, hanno trovato delle «pietrine» per contenere sostanza stupefacente del tutto simili a quelle trovate a casa di Smeriglio e dei biglietti con numero telefonico e soprannome (“Zip“) che Sanguellini lasciava ai tossicodipendenti per farsi contattare.
I carabinieri hanno accertato che Smeriglio, il giorno prima di morire, aveva incontrato Sanguellini dal quale aveva acquistato eroina con del denaro denaro che gli aveva dato la moglie. Inoltre i residui di eroina trovati a casa della vittima e quelli trovati da Sanguellini sono risultati compatibili. A questo punto, il pm di Cosenza Claudio Curreli ha chiesto ed ottenuto dal gip un’ordinanza di custodia cautelare che è stata eseguita ieri dai carabinieri della Compagnia di Rende.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?