Salta al contenuto principale

Non prendetevela, siamo lucani

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 26 secondi

Amo la mia terra,
la amo tantissimo e pur vivendo per diversi giorni della
settimana lontano, cerco sempre di tornare il più
possibile perchè è qui che riesco a vivere completamente
la mia vita.
E' bello il freddo. E' bello anche il traffico di Potenza.
E' bello il modo forse troppo forte con cui i Lucani tengono
ai loro valori.

Ed ancora una volta in questi giorni è uscito fuori il
lucano vero. Quello D.O.C.

Da mercoledì sera negli ambienti politici si discute della candidatura di Magdi Cristiano Allam
alla carica di Governatore della Regione Basilicata.

Una notizia che in altre Regioni avrebbe fatto scendere la
gente in strada a festeggiare e avrebbe fatto mandare, ai
soggetti da cui è nata questa geniale idea, migliaia di
email di contentezza e soprattutto si sarebbe fatto di tutto
per fare in modo che vada realmente in porto la candidatura.

Ma noi siamo Lucani, non prendetevela.
Non posso pensare al razzismo, non potrei e non vorrei, da
ragazzo di destra che vede quei tempi ormai lontani, perhè
soprattutto non li ho vissuti, non posso pensare ad una
mentalità così retrograda che porta anche i pensanti
lucani su una stretta e brutta scia di razzismo nei
confronti di Magdi Cristiano Allam.

I Lucani non gradiscono Magdi Cristiano Allam, non lo
gradiscono perchè affermano sia una persona che non
conosce la Basilicata, la nostra realtà e le dinamiche
della nostra Regione. Sarà anche vero ma non ci credo,
scusatemi tanto. Non è così.
Quando una persona di cultura, di rilievo nazionale e
internazionale fa una scelta del genere, anche magari
perchè calata dall'alto, la porta a compimento studiando
ogni minimo particolare di quella scelta, per presentarsi
preparato e soprattutto per cercare di dare risposte
concrete e sensate ai cittadini Lucani.

Sarebbe altrimenti una scelta frutto di miopia del nostro
Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e dello stesso
Magdi Cristiano Allam.

La Basilicata rientra tra gli angoli del mondo a più alto
potenziale di sviluppo secondo i maggiori studi che sono
venuti fuori in questi mesi, e scusatemi la franchezza una
Regione così non può essere affidata ai politici che
abbiamo.

Nulla contro di loro. Ma la constatazione che da anni, forse
troppi, la Basilicata non ha un Ministro della Repubblica
nè tantomeno un Sottosegretario o ViceMinistro di una
certa importanza, è già un ottimo motivo per capire che
le nostre risorse non possono essere gestite da queste
persone.

Persone che da 15 anni e oltre svendono la Basilicata ad
industriali di passaggio, incapaci di costruire una Terra di
benessere, come si poteva ipotizzare quando io avevo appena
6 anni e frequentavo la prima elementare.

La Basilicata nonostante il suo potenziale, anno dopo anno
è in fondo alle classifiche nazionali.
E mi dispiace, fossi nei politici lucani mi vergognerei.

Magdi Cristiano Allam, è la constatazione di una sconfitta
che non riguarda solo il centro - destra lucano, che non è
mai esistito molto probabilmente in questi 15 anni, ma anche
del centro - sinistra lucano.
E se il centro - destra lucano oggi si sta interrogando
sulla scelta di Berlusconi sulla Basilicata, il centro -
sinistra mi chiedo cosa stia facendo, su cosa si stia
interrogando, vista la riconfermata candidatura di Vito De
Filippo.

Vorrei 10 buoni motivi per confermare De Filippo. Ma ne
trovo un'infinità per non averlo più Governatore.
De Filippo non è amato ancor prima dai suoi, oltre che dal
popolo di centro - destra (e badate bene dal popolo, non dai
politici).

Noi siamo Lucani, non prendetevela.
La paura per Magdi Cristiano Allam, è soltanto paura.
ABBIAMO PAURA. Non giriamoci intorno.
Abbiamo paura che venga una persona preparata a scavare nei
cassetti di 15 anni di male affare in cui maggioranza e
opposizione sono andati a braccetto a tutti i livelli.
Costruendo la povertà della gente di Lucania. Ed oggi ci
allarmiamo per una scelta che invece ha il sapore del
riscatto per tutti noi, per la Basilicata.

Gente di buona volontà stringiamoci e portiamo con noi
quel carattere che è nostro, è lucano. La caparbietà.

Altrimenti fra qualche tempo realmente i politici nazionali
saranno loro a dover dire a noi "Non prendetevela, siete
Lucani".

Fabio Lottino
"La Potenza dei Giovani"
contatto@fabiolottino.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?