Salta al contenuto principale

Calcio, II Divisione: le decisioni del giudice sportivo

Basilicata

Gli squalificati dopo l'ultimo turno di campionato

Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

In 2/a Divisione tra i giocatori sono stati squalificati per due gare Prevete (Poggibonsi), Pimazzoni (Sambonifacese), Cazzamalli (San Marino), Lerda (Bellaria Igea Marina) e per un turno Cau (Alghero), Camorani (Nocerina), Russo (Canavese), Merli (Cassino), Marconi (Gubbio), Zaccanti (Legnano), Sassarini (Noicattaro), Ferrini (Pavia), Conti (Vibonese), Bruno (Fano), Chietti (Aversa), Brighi (Bellaria Igea Marina), Franchini (Cisco Roma), Pietranera (Crociati Noceto), Scavone (Fussballclub Sudtirol), Caidi (Giacomense), Parisi (Manfredonia), Giuliano e Iannini (Nocerina), Fumai (Noicattaro), Panizzolo (Prato), Bonomi (Rodengo Saiano), Vitali (Sangiustese), Caponi (Valenzana). Tra gli allenatori ammenda di 500 euro e obbligo risarcimento danni se richiesti per Di Meo (Pro Vasto) per «atteggiamento offensivo verso i propri calciatori e per aver colpito con calci e pugni la porta d’ingresso degli spogliatoi danneggiandola»; squalifica per due turni per Bitetto (allenatore in seconda Noicattaro) e Aquino (Aversa). Ammende a società: Olbia 1500 euro, Igea Virtus Barcellona 1000, Pro Vercelli 500.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?