Salta al contenuto principale

Randagismo, catturato a Catanzaro cane molosso.
Casi di aggressione anche a Cosenza

Basilicata

In alcune circostanze, questi cani randagi si erano resi responsabili di tentativi di aggressione a persone ed animali di piccola taglia

Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

Agenti del Commissariato di Polizia di Catanzaro Lido assieme a numerose unità del servizio Polizia Ecozoofila hanno provveduto all’accalappiamento di un cane molosso, di razza «corso» ed al suo invio nel il canile comunale di San Floro (Cz), dopo che nei i mesi di ottobre, novembre e dicembre, numerosissime telefonate al 113 avevano segnalato la presenza di alcuni cani randagi di grossa taglia nella zona Sud della città, in particolare nella pineta di Giovino e nelle immediate vicinanze. In alcune circostanze, questi cani randagi si erano resi responsabili di tentativi di aggressione a persone ed animali di piccolo taglio, divorando addirittura un’intera cucciolata di gattini ed ingenerando terrore nei residenti. Dopo una serie di appostamenti effettuati senza alcun risultato, nel pomeriggio di ieri la cattura.
Ed anche nella città di Cosenza e nell'hinterland sono stati segnalati numerosi casi di aggressione da parte di cani randagi spesso riuniti in branco. In particolare su Viale Mancini a Cosenza, luogo in cui molti si dedicano alla corsa e a lunghe passeggiate. Analoga situazione anche nel comune vicino, Rende, dove sono numerosi i casi di randagismo in particolare nella zona universitaria.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?