Salta al contenuto principale

Verso la chiesa dei turisti

Basilicata

Oltre 4.000 metri quadri di terreno ceduti dal Comuen di Pisticci alla Curia
per realizzare la prima parrocchia a Lido 48

Tempo di lettura: 
2 minuti 42 secondi

E' stato sottoscritto ieri mattina, presso la sede comunale di Palazzo Giannantonio a Pisticci, l'atto di cessione tra il Comune e la parrocchia “Stella Maris” di Marconia per il trasferimento di un'area di proprietà comunale situata a marina di Pisticci allo scopo di costruirvi una chiesa, che corrisponderà alla terza parrocchia di Marconia, ovvero la “Stella Maris”. La seconda parrocchia, invece, sarà realizzata a Marconia su altre aree che il Comune trasferirà a breve alla Curia, allo scopo di realizzare la chiesa intitolata a San Gerardo Maiella. L'area trasferita ieri, di 4.000 metri quadrati, è situata in marina di Pisticci, in località Lido 48. Alla sottoscrizione dell'atto, davanti al segretario comunale, Giuseppe Borgia, era presente monsignor Salvatore Ligorio (nella foto), arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina, accolto dal sindaco, Michele Leone, dal suo vice, Domenico Lazazzera, dall'assessore Mario Di Taranto, dal dirigente dell'area Tecnica Rocco Di Leo ed accompagnato dai sacerdoti don Michele Leone, don Giuseppe Di Tolve e padre Bruno Rubechini. Quest'ultimo, in qualità di legale rappresentante della parrocchia Stella Maris, ha sottoscritto materialmente l'atto assieme al Giuseppina D'Aranno, in qualità di dirigente del settore Patrimonio del Comune di Pisticci. Nel corso dell'incontro tra le autorità comunali e quelle ecclesiastiche il sindaco di Pisticci, Leone, ha spiegato che «l'Amministrazione comunale ha voluto accogliere con profonda convinzione le richieste pervenute dalla parrocchia Stella Maris per la costruzione di una chiesa a Marina di Pisticci, centro in forte espansione che rappresenta il cuore dell'offerta turistica, ma risulta ancora privo di un luogo di culto che possa essere riferimento per i numerosi fedeli che popolano la località soprattutto nei mesi estivi. L'area in questione -ha spiegato il sindaco- è stata trasferita al Comune lo scorso 23 dicembre in seguito alla conclusione di un accordo con la società Ctc, che possedeva il lotto, finalizzato ad estinguere le pendenze relative agli oneri di urbanizzazione dovuti all'Ente comunale da oltre vent'anni. Sulla base della trattativa con la Ctc si è stabilito, pertanto, che al Comune saranno pagati circa 258.000 euro oltre al trasferimento di un terreno di 13mila metri quadrati, parte del quale, adesso, è stato ceduto gratuitamente alla parrocchia Stella Maris per costruire la nuova chiesa. Per il resto la Ctc si è impegnata a versare altri 360mila euro circa ed a rinunciare al giudizio in alcune vertenze che avrebbero potuto veder soccombere il Comune». Il sindaco ha attribuito grande importanza a questo trasferimento, così come a quello ormai prossimo per la costruzione della chiesa di San Gerardo Maiella a Marconia, in quanto ritiene che anche alla realizzazione dei plessi sacri sia legato lo sviluppo di importanti e strategici elementi di territorio come l'area turistica e l'abitato di Marconia. Monsignor Ligorio ha commentato con soddisfazione l'operazione completata questa mattina: «Esprimo -ha detto il vescovo- gratitudine e gioia per il lavoro svolto finora e ringrazio l'Amministrazione comunale che ha reso possibile la concretizzazione di questo trasferimento assieme a tutti quelli che hanno collaborato per il raggiungimento di questo traguardo. Ritengo, inoltre, che la costruzione di una chiesa a marina di Pisticci rappresenti un interesse comune e condiviso da tutti, allo scopo di andare incontro alle forti esigenze manifestate da numerosi fedeli. In tal senso si tratta di un'opera che va a favorire la crescita del territorio e ad soddisfare maggiormente anche la sua offerta turistica».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?