Salta al contenuto principale

Progetto Centri storici, presentato
a Reggio il documentario "Identità"

Basilicata

Il documentario è un lungometraggio con allegati 51 Dvd con contenuti fotografici ed audiovisivi ed un archivio multimediale

Tempo di lettura: 
1 minuto 21 secondi

E' stato presentato a Reggio Calabria il documentario «Identità», realizzato da Maria Tarzia e Maurizio Marzolla per conto dell’associazione Y Cassiopea in collaborazione con l’assessorato regionale all’Urbanistica ed al Governo del territorio. L’iniziativa rientra nel progetto "I Centri Storici - Interventi di riqualificazione e recupero" nell’ambito dell’Accordo di Programma Quadro Emergenze urbane e territoriali Programma Riqualificazione dei Centri Storici.
«La realizzazione del documentario - riporta una nota – è l’ultimo atto della collaborazione con l'assessorato fondata sulla convinzione che il nostro territorio ha bisogno di recuperare altri valori. Identità arriva dopo due lavori già realizzati da Y Cassiopea: Contrasti, sullo stato delle nostre coste, ed Orizzonti sulle azioni svolte da parte dell’Assessorato. La valenza di questa esperienza sta nel fatto che non c'è stato un 'vi diamo i soldì, ma una vera e propria sinergia d’intenti: ricostruire le condizioni ottimali per un futuro partecipato, contro la logica dell’imposizioni dall’alto, magari di grande opere».
«La Calabria – afferma l’assessore regionale Michelangelo Tripodi (in foto) in una dichiarazione riportata nel comunicato – può avere sviluppo e crescita se e solo se valorizza le proprie risorse e, tra queste, i centri storici sono tra le principali». Tripodi, riferisce ancora la nota, rivolge anche un ringraziamento agli autori «non solo per aver messo a disposizione del suo assessorato la loro capacità artistica, ma anche per la faticosa realizzazione della fase di documentazione, generata attraverso il Identità». Il documentario è un lungometraggio con allegati 51 Dvd con contenuti fotografici ed audiovisivi ed un archivio multimediale. Un viaggio lungo 17 Comuni della Provincia reggina, sui 53 interessati dal Progetto, per scoprirne l'identità.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?