Salta al contenuto principale

Polistena: rissa tra extracomunitari, 5 arresti

Basilicata

Il fatto si è verificato in via Stella di Polistena, nel centro storico, in un quartiere di vecchie case ormai disabitate da molto tempo

Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

Una rissa tra extracomunitari ha portato all’arresto di 5 cittadini di provenienza algerina e marocchina, temporaneamente domiciliati a Polistena.
Si tratta di Houari Belarbe 30 anni, algerino, Sadiq Nourddine, 34 anni e marocchina, di Mhamed Essalhi, 25 anni, marocchino, Abdellah Lafif, 42, marocchino e Zaim Ahlabo 22 anni, marocchino.
Il fatto si è verificato in via Stella di Polistena, nel centro storico, intorno all’una di stanotte. I Carabinieri della Stazione di Polistena, impegnati in un servizio perlustrativo, hanno udito grida in lingua araba provenire dalla citata via, ed allarmati sono intervenuti sul posto.
Al loro arrivo hanno assistito ad un violento ed acceso diverbio tra cinque extracomunitari che si colpivano reciprocamente con inaudita violenza in ogni parte del corpo con pugni, calci e testate. I militari e hanno chiesto rinforzi alla Centrale Operativa del Comando Compagnia Carabinieri di Taurianova.
Sono giunte sul posto pattuglie della Stazione di S.Giorgio Morgeto ed un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile, nonchè altro personale dell’arma polistenese, che hanno dovuto faticare parecchio per dividere i cinque.
Una volta sedati gli animi, anche se la lite verbale è proseguita, i militari hanno constatato la gravità del fatto: uno dei contendenti aveva una vistosa ferita al labbro ed aveva addirittura perso il ponte sul quale erano fissati i denti anteriori, altri due presentavano ferite con perdita di sangue al volto e gli altri avevano il volto tumefatto dai colpi ricevuti.
Tutti sono stati accompagnati al pronto soccorso del locale presidio ospedaliero e sottoposti alle cure mediche del caso: nei loro confronti sono state formulate prognosi che partiva varianti dai 10 ai tre giorni a secondo delle lesioni subite. Due, però, hanno rifiutato di sottoporsi agli accertamenti medici e di ricevere le cure del caso.
Nella Caserma di Polistena è stata ricostruita la dinamica e, con molta difficoltà, anche il movente della violenta lite, maturata tra dissapori di vicinato e pretestuose antipatie personali, sfociate nelle vie di fatto. A carico dei 5 extracomunitari è scattato l’arresto per rissa e nella stessa mattinata gli arrestati sono stati giudicati con rito direttissimo al Tribunale di Cinquefrondi e condannati a pene che vanno da 8 a 10 mesi di reclusione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?