Salta al contenuto principale

Catanzaro: omicidio Citriniti, rinviati
a giudizio i due indagati

Basilicata

Massimiliano Citriniti, studente, è stato ucciso l'anno scorso a coltellate per uno scherzo di carnevale nei pressi del centro commerciale Le Fornaci

Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Catanzaro, Antonio Saraco, ha rinviato a giudizio Gianluca Passalacqua e Cosimo Berlingieri per l’omicidio di Massimiliano Citriniti, lo studente ucciso l'anno scorso a coltellate per uno scherzo di carnevale. Il processo nei confronti dei due imputati inizierà il 7 aprile prossimo dinanzi ai giudici della corte d’assise di Catanzaro.
La richiesta di rinvio a giudizio era stata avanzata dal sostituto procuratore della Repubblica, Simona Rossi. Nell’ottobre scorso per l’omicidio di Citriniti è stato condannato a 14 anni e 15 giorni di reclusione un ragazzo di 17 anni, di etnia rom, ritenuto l’esecutore materiale del delitto. Il processo d’appello per il minorenne è stato fissato per il 22 febbraio prossimo. Gli agenti della squadra mobile, dopo il fermo del minorenne, riuscirono ad individuare anche Passalacqua e Berlingieri attraverso una serie di dichiarazioni raccolte dopo l’omicidio. L'accusa sostiene che Berlingieri era presente con il minorenne all’omicidio e Passalacqua era nel parcheggio del centro commerciale Le Fornaci di Catanzaro dove avvenne l’aggressione e l'accoltellamento.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?