Salta al contenuto principale

Navazio sceglie la corsa con Magdi Allam

Basilicata

Il sindaco di Melfi rompe la riserva e decide dopo settimane di tormento: «E' una sceltadi coscienza»

Tempo di lettura: 
3 minuti 22 secondi

di MARIATERESA LABANCA
MELFI - Alfonso Ernesto Navazio accetta la sfida. Non a fianco dell’amico e concittadino, con cui ha condiviso parte del percorso politico all’interno del Pdl, Nicola Pagliuca. Né nelle fila del centrosinistra, come pure era stato ipotizzato da chi da sempre guarda al binomio Navazio Folino come a un possibile asse politico trasversale.
Il sindaco di Melfi ha scelto di scendere in campo insieme al candidato presidente Magdi Cristiano Allam, nella lista “Io amo la Lucania”. Accomunati dalla voglia «d’interpretare l’ansia di cambiamento».
Al fianco di colui che, per i più, è il giornalista ed europarlamentare venuto da fuori, Navazio intende portare il contributo della “territorialità”. Una scelta «di coscienza e di coerenza - la definisce - Se è vero, come io ritengo - spiega - che in politica si rappresenta innanzi tutto un popolo prima ancora che un partito».
Una decisione, giunta solo al termine della lunga serata di confronti dello scorso giovedì. Una scelta tormentata e ampiamente ragionata. La chiusura definitiva con il Pdl, dopo un lungo periodo di burrasca, si era consumata non più di dieci giorni fa, con una lettera che attacca una classe dirigente regionale «che mi ha messo all'angolo - aveva scritto - che mi chiede ancora una volta di mettermi da parte, e che non mi accetta per quel che sono e quel che rappresento».
“Un segno della Provvidenza”, avrà pensato l'ex direttore del Corriere della Sera, che di pari passo non risparmiava lusinghe al commissario Asi, e che con il nome scelto della lista “Lucani per bene e di buona volontà” sembra aver voluto cucire un vestito a misura del sindaco. E che del primo di cittadino di Melfi dice di apprezzare le qualità di amministratore, prima ancora che di politico. Il volto - per l’europarlamentare - «di quella Basilicata che vuole riscattarsi».
In mezzo, il personale travaglio, di chi «non vorrebbe cambiare le proprie idee, né il proprio partito» ma che alla fine «fa prevalere una scelta di coscienza». E quello da sindaco, che ha provato a conciliare le esigenze personali con le conseguenze che la rottura con il Pdl, e la corsa con Magdi Cristiamo Allam comporteranno sugli equilibri della giunta comunale della città federiciana.
Ed è stato al termine di un lungo confronto con la sua squadra, giovedì in tarda serata, che alla fine la scelta si è fatta chiara. Per ora, il primo cittadino sembra aver incassato il sostegno e l'entusiasmo dei suoi.
Da tempo Navazio aveva annunciato le dimissioni dall’incarico di commissario del Consorzio per lo sviluppo industriale di Potenza, in caso di candidatura. Ma il tempo dell'addio non è ancora arrivato.
E la conferenza stampa programma per il prossimo martedì sarà solo l’occasione «per illustrare le attività svolte 2009». Le dimissioni arriveranno comunque, ma non prima di aver portato a termine alcuni importanti passaggi necessari per chiudere il ciclo iniziato con la sua nomina a commissario, più di un anno e mezzo fa.
Il coinvolgimento politico del sindaco per le prossime regionali era nell'aria da tempo. All'ipotesi iniziale di un ticket con l'ex presidente di Confindustria, Attilio Martorano, alla guida della colazione del centrodestra, era seguita la possibilità di una sua candidatura a presidente nello schieramento di centrodestra. Ma all’interno del Pdl, Navazio non ha trovato gli spazi che cercava e che più di qualcuno aveva provato a rivendicato per lui. “Interrotto un percorso”, ora ne comincia un altro. Che il sindaco di Melfi intraprenderà con il solito entusiasmo. «Magdi Cristiano Allam - dice Navazio - potrà portare un grande contributo alla nostra Basilicata, proiettando e amplificando, fuori dai confini regionali, i suoi aspetti migliori».
Ne sarà un prima prova l’appuntamento di questa mattina, all'hotel la Primula, dove Navazio ufficializzerà la discesa in campo e spiegherà i motivi della sua candidatura.
Sarà presente anche il candidato Magdi Cristiano Allam che nel frattempo si prepara a presentare la lista di tutti i candidati, programmata per il prossimo lunedì.
Tra i nomi certi per ora, quelli dell’ingegnere, Dario De Luca e del sociologo Michele Finizio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?