Salta al contenuto principale

Frana a Maierato, installati rilevatori di movimento

Basilicata

Prime notizie positive per Maierato, dopo l’evacuazione di tutti i 2.300 abitanti disposta dal sindaco Sergio Rizzo: i tecnici tengono la frana sotto controllo. Intanto sono state riattivate luce e a

Tempo di lettura: 
2 minuti 54 secondi

E' sotto controllo la frana che ha portato all’evacuazione dei 2.300 abitanti di Maierato, in Calabria. In mattinata, conferma il prefetto di Vibo Valentia, Luisa Latella, saranno installati i tre rilevatori in grado di registrare e comunicare eventuali movimenti del fronte franoso come indicato dalla Commissione Grandi rischi. I sensori saranno posti in altrettanti punti in alto, al centro e nella parte sottostante per il monitoraggio. Il controllo è affidato ai vigili del fuoco e all’Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpacal).
«Dopo l’esame idrogeologico delle fratture che hanno determinato la frana di Maierato, stamattina i tecnici esamineranno gli aspetti idrogeofici intorno all’abitato per verificare la presenza delle falde» ha spiegato l’assessore regionale all’a Ambiente Silvio Greco che dirige i lavori e che fa la spola tra Maierato.
«Prima di decidere se far rientrare o meno una parte degli sfollati – ha fatto sapere Greco – vogliamo essere sicuri che vi sia la massima sicurezza. A destare preoccupazione nel vibonese comunque non c'è soltanto Maierato – ha aggiunto – ma intorno a Vibo ci sono da tenere sotto controllo Piscopio, Triparni, Stefanaconi e Pannaconi dove ieri c'è stato l’inizio di una grossissima frana, senza tenere conto che è quasi tutta la Calabria che sta cedendo».
Nel pomeriggio si terrà la riunione del comitato ristretto con i vigili del fuoco, la Provincia di Vibo Valentia, la Regione, il Comune e i tecnici della commissione grandi rischi che esaminerà uno studio realizzato dall’Ispra. Alla luce delle risultanze dello studio e di quanto emergerà dai rilevatori sarà decisa la revoca dell’ordinanza di evacuazione. Intanto, in paese, sono stati riattivate l’acqua e la corrente elettrica. Via via che si procederà al rientro sarà riattivato anche il gas.
Nel corso di una riunione presieduta dal prefetto di Vibo Valentia, Luisa Latella, cui hanno partecipato i vertici delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco e della Protezione civile, oltre all’assessore regionale all’Ambiente, i dati della Commissione sono stati valutati attentamente. La decisione finale è stata quella di confermare, per ora, l'ordinanza di sgombero. Oggi iniziano i monitoraggi dell’area intorno alla frana per verificare la stabilità del terreno.
GLI SFOLLATI
I 2.300 abitanti sono stati trasferiti in diverse strutture: la scuola di polizia di Vibo che ne ospita 250, alcune strutture alberghiere della zona o abitazioni private messe a disposizione da parenti ed amici. La durata dell’emergenza, in ogni caso, sembra legata alle condizioni meteo. Se dovesse continuare a piovere, l’evacuazione di Maierato potrebbe andare avanti per giorni.
PIANO ANTISCIACALLAGGIO
Un piano antisciacallaggio è stato predisposto dal questore di Vibo Valentia, Filippo Nicastro, al fine di prevenire eventuali saccheggi in seguito alla frana che ha colpito la popolazione di Maierato, il piccolo centro vibonese a poca distanza dalla città capoluogo.
L'iniziativa, unitamente a quelle riguardanti i soccorsi e la sicurezza, è stata illustrata stamattina in questura. I servizi, coordinati dal questore, sono espletati dai Carabinieri, dalla Guardia di finanza, da Corpo Forestale dello Stato, Polizia provinciale, personale della Protezione Civile e Croce Rossa. Mentre al personale della polizia stradale diretta dal vice questore Pasquale Ciocca, è stata affidata l'attuazione del servizio di controllo e di accesso all’abitato di Maierato.
Sottolineata l’importanza di assistenza verso gli sfollati da parte del direttore della scuola allievi Agenti di polizia Cosimo Maruccia: «La situazione – è stato assicurato - viene comunque seguita costantemente e saranno garantiti tutti quei provvedimenti necessari per garantire la sicurezza. Per il pomeriggio è previsto un incontro in municipio sui risultati delle indagini dei geologi».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?