Salta al contenuto principale

Emergenza Frane, Uilpa: "I vigili
del fuoco ancora senza risorse"

Basilicata

Ai Vigili del Fuoco, non sono stati pagati gli interventi del 2008 e del 2009 e "non è tollerabile - dice Ferri della Uilpa di Cosenza - che dopo più di 12 mesi dei lavoratori ancora non abbiano ricev

Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

«L'emergenza frane che ha colpito la regione in questi giorni ha rimesso in luce la condizione di dissesto idrogeologico nella quale si trova quasi tutta la Calabria, bastano poche ore di pioggia per trasformare il nostro territorio, già a rischio idrogeologico, in un insieme di frane e smottamenti che con la pioggia precipitano rovinosamente a valle. Lo scenario è sempre lo stesso: strade interrotte, abitazioni danneggiate, persone in pericolo o peggio; immediatamente partono le squadre di soccorso dei Vigili del Fuoco, l’obiettivo principale è la salvaguardia delle vite e dei beni, decine di Pompieri dimenticano tutto il resto e con grande spirito di abnegazione e sacrificio rimangono al servizio della collettività per decine di ore spesso dimenticando anche di mangiare. In quelle tragiche ore di emergenza i cittadini non possono essere abbandonati e dimenticati ed i Vigili del Fuoco sono li oltre ogni dovere a compiere la loro missione, ma poi, purtroppo, ad essere dimenticati sono proprio loro».
A scriverlo è Bonaventura Ferri, segretario della Uil-Pa di Cosenza: «E' trascorso più di un anno – dice – dall’emergenza maltempo che ha colpito una consistente parte della Calabria anche in provincia di Cosenza; era si novembre ma l’anno era il 2008; ancora oggi i lavoratori attendono i pagamenti dovuti. Appena si verifica un’emergenza, i primi ad intervenire sono proprio i Vigili del Fuoco, sempre pronti ad accorrere 24 ore su 24; con i loro presidi sul territorio sono la componente fondamentale della Protezione Civile.
Dopo quella del novembre 2008, una nuova emergenza maltempo si è ripetuta a gennaio e febbraio del 2009 per poi arrivare alla frana che ha interessato il cimitero di Fagnano dove i Pompieri hanno effettuato un lungo ed importante intervento per la messa in sicurezza e la traslazione in un luogo più sicuro delle salme che riposavano in quel luogo.
Oggi a distanza di più di un anno a sentirsi dimenticati sono proprio i Vigili del Fuoco, non è tollerabile che dopo più di 12 mesi dei lavoratori ancora non abbiano ricevuto le proprie spettanze, per questo motivo -sostiene Bonaventura Ferri - chiediamo delle risposte al Dottor Guido Bertolaso capo della Protezione Civile sollecitando il pagamento delle spettanze dovute ai lavoratori Vigili del fuoco. I fondi per le emergenze sono stati stanziati ma i pagamenti ai lavoratori non sono ancora arrivati, perchè?».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?