Salta al contenuto principale

Reggio: Marocchina in manette
per aggressione alla madre

Basilicata

Ha aggredito la madre a mano armata ed è stata arrestata in flagranza di reato

Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

Operazione di polizia delle “Volanti” della Questura di Reggio Calabria che ha condotto all’arresto in flagranza di reato per aggressione a mano armata, lesioni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, la cittadina marocchina Mouhim Zaira di 28 anni.
Alle ore 3 circa della notte la giovane marocchina sarebbe rientrata in casa in stato di ubriachezza e la madre, esasperata dai continui rientri notturni della propria figlia in stato di alterazione alcolica, gli avrebbe impedito l’ingresso. La Mouhim però, dopo essere riuscita ad entrare comunque nell'abitazione si è recata in cucina impadronendosi di un coltello. Fatto ciò avrebbe aggredito la madre che nella colluttazione ha riportato ferite lievi alla mano.
Giunto sul posto un equipaggio delle “volanti”, il personale di polizia è riuscito a stento ad immobilizzare la marocchina che ha iniziato ad inveire contro i poliziotti aggredendoli e nel corso della ulteriore colluttazione ha anche riportato ferite ad una mano, guaribili in sette giorni. La donna è stata accompagnata presso gli uffici della Questura e dopo gli adempimenti di rito ristretta nelle camere di sicurezza in stato di arresto in attesa del processo per direttissima che si celebrerà nella giornata odierna.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?