Salta al contenuto principale

Volley A1 maschile. Dura sconfitta
per la Tonno Callipo contro la Lube

Basilicata

Una svogliata, quasi appagata, Tonno Callipo Vibo Valentia, concede i tre punti ad una ferita Lube Banca Marche subendo un 3-0 che per i ragazzi di Uriarte non ammette repliche

Tempo di lettura: 
1 minuto 22 secondi

Una squadra sottotono. E' apparsa così la Tonno Callipo Vibo Valentia che si è dovuta arrendere alla Lube Macerata. Troppi giocatori sotto la sufficienza. Così non si chiude bene la stagione per la squadra vibonese. Poker di successi consecutivi invece, per la Lube Banca Marche, che riscatta l’eliminazione dalla Indesit Champions League conquistando i tre punti che le consentono di risalire di un’ulteriore posizione in classifica, portandosi ad un passo dalla terza posizione.
Contro la Tonno Callipo finisce 3-0 (25-18, 25-19, 25-18), a conclusione di una gara senza storia, in cui i ragazzi di Ferdinando De Giorgi hanno dominato: «Siamo riusciti a giocare la partita che volevamo, dopo l’eliminazione di mercoledì scorso dalla Champions che ancora brucia. Bravi i ragazzi a sfoderare una buona prestazione – spiega il tecnico della Lube Banca Marche Macerata – soprattutto dal punto di vista dell’intensità. E' questo che dobbiamo fare, lavorare bene e giocare sempre con intensità per guadagnarci un gradino alla volta. La corsa al miglior piazzamento nella griglia dei play off è molto equilibrata, sarà importante andare avanti con un occhio al gioco ed uno alla classifica, cercando di sfruttare al massimo tutte le occasioni che si presenteranno».
Tra i migliori in campo Igor Omrcen che ha messo a segno diciotto punti. Era difficile sfoderare una buona partita dopo la grande delusione rimediata mercoledì in Europa. Questa vittoria non basta certo per cancellare la botta col Bled – sottolinea il giocatore del club di Macerata – ma certo è una buona base per ripartire verso un finale di stagione che speriamo ci possa regalare soddisfazioni. Siamo consapevoli di avere tutte le carte in regole per arrivare fino in fondo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?