Salta al contenuto principale

Malvito. Un trofeo per non dimenticare
chi non può essere dimenticato

Basilicata

Carabinieri, Rappresentativa Attori e AXB onlus in campo per la Giornata Europea delle Malattie Rare e per ricordare un amico di tutti, il Vicebrigadiere Sabatino Borrello

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

C'era la folla delle grandi occasioni domenica a gremire lo stadio del piccolo Comune di Malvito nell'entroterra cosentino. E si trattava davvero di un'occasione importante, uno dei pochi eventi di solidarietà in Calabria, a parte Vibo Valentia e Reggio Calabria, in cui l'attenzione di tutti è stata rivolta a chi ha bisogno d'aiuto e a chi questo aiuto non può più darlo.
In occasione della Giornata Europea delle Malattie Rare l'Associazione Amici per i bambini onlus ha organizzato a Malvito il 1°Trofeo Campione, un triangolare di calcio per raccogliere fondi, che ha visto impegnate tre squadre, una rappresentativa di Carabinieri del Comando Provinciale di Cosenza, la Rappresentativa Italiana Attori ed una rappresentativa dell’AXB. La partita si andava ad aggiungere all'incontro del giorno prima presso il villaggio scolastico di Malvito sul tema delle malattie rare, che come troppo spesso si dimentica nel 75% dei casi colpiscono proprio i bambini. Bambini di cui non si dimenticava mai il Vicebrigadiere Sabatino Borrello, un socio della onlus, un collega e un concittadino tragicamente scomparso la mattina del 3 novembre 2009.
Sono stati proprio i colleghi dell'Arma a vincere l'incontro, e anche se lo scopo benefico dell'evento ha fatto si ci fosse una coppa per ogni squadra la loro è andata alla moglie ai figli di Borrello. Momenti di commozione hanno attraversato lo stadio quando al figlio è stata consegnata una casacca con i colori della Rappresentativa dell’Arma con il numero 10 ed il nome Sabatino, in quel momento per tutti è stato come se il Vicebrigadiere fosse lì in campo con loro. I fondi raccolti serviranno per la realizzazione di un parco giochi per i bambini da realizzare nel comune cosentino. Resta la consapevolezza di aver scritto una bella pagina che Malvito, ma anche i comuni limitrofi, ricorderanno a lungo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?