Salta al contenuto principale

1ª e 2ª Divisione, le decisioni del giudice sportivo

Basilicata

Nessun squalifica tra le fila calabresi, solo Fanucci ammonito con diffida. Ammenda per il Catanzaro

Tempo di lettura: 
1 minuto 20 secondi

Il giudice sportivo ha deciso le sanzioni anche per la 1ª DIVISIONE. Due giornate a Bonanni del Pescara e Anderson della Reggiana. Va meglio a Burzigotti (Foggia), Antonioli (Lanciano), Olivi (Pescara), Berardi (Potenza), Alessi, Tomasig (Reggiana), D’Antoni (Rimini), Ghetti (Spal) e Concas (Ternana) che si fermano per una sola giornata.
Nessuna squalifica invece ma un'ammizione con diffida per il difensore del Cosenza Stefano Fanucci, un provvedimento che impone al giocatore massima prudenza nelle prossime partite.
Sanzioni anche a carico degli allenatori con due turni di stop a Capuano (Potenza) «per l’intero arco della gara - si legge nella motivazione - inveiva verso i tesserati della squadra avversaria (Virtus Lanciano) e protestava per le decisioni arbitrali, reiterando espressiono blasfeme», (su rapporto della Procura Federale); e ammende per cinque società: Reggiana (3.500 euro), Foggia, Rimini (2.500), Pescina (1.500 euro), Taranto (750 euro).

Non va meglio alla 2ª Divisione. Due giornate a Shiba (Barletta), Soviero (Juve Stabia) e Nossa (Manfredonia);
Una giornata invece per Sportillo (Barletta), Battisti, Carcione, Idda (Brindisi), Bianciardi (Cassino), Mosciaro (Catanzaro), Angotti (Igea Virtus), Acoglanis (Juve Stabia), Pignatta (Nocerina), Biava, Pirrone, Riccobono (Vibonese), Burgos (Vico Equense).
A carico di allenatori il giudice decide per due turni di stop a Limone (Scafatese) e uno a Bucaro (Manfredonia).
Tra le società sanzionate, oltre al Noicattaro costretto a sborsare 1500 euro, ammenda di 300 euro anche per il Catanzaro.
Oltre ai provvedimenti disciplinari il giudice si è espresso anche su una gara del 23 febbraio scorso, respingendo il reclamo dell’Aversa Normanna in merito alla gara di Cassino e confermando il risultato sul campo (2-1). L’Aversa chiedeva la ripetizione della gara per un presunto errore tecnico dell’arbitro».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?