Salta al contenuto principale

Riciclaggio, parroco di Isola Capo Rizzuto
mai stato a cena con Di Girolamo

Basilicata

Don Edoardo Scordio smentisce la dichiarazione di Di Girolamo sulla sua partecipazione ad una cena elettorale

Tempo di lettura: 
1 minuto 28 secondi

Il parroco di Isola Capo Rizzuto ha smentito di aver partecipato alla cena elettorale svoltasi in Calabria per festeggiare l’elezione del senatore del Pdl, Nicola Di Girolamo e di cui lo stesso Di Girolamo ha riferito oggi a palazzo Madama prima di rassegnare le sue dimissioni.
A dirlo è stato il legale del parroco, l’avvocato Francesco Verri: «Ho ricevuto incarico dal parroco di Isola Capo Rizzuto, don Edoardo Scordio (nella foto) – dice Verri in una nota – di smentire categoricamente la circostanza riferita dal Sen. Di Girolamo nella seduta del Senato di oggi 3 marzo 2010 dedicata alla discussione sulle dimissioni presentate dal parlamentare, secondo la quale sarebbe stato presente anch'egli alla ormai famosa cena svoltasi a Isola Capo Rizzuto per festeggiare l'elezione del Senatore».
«Ho fatto la fotografia davanti a quella torta successivamente con il parroco del paese, con il sindaco, con il maresciallo dei carabinieri, con 300 personè, ha dichiarato in aula il Sen. Di Girolamo, come risulta dal resoconto stenografico del Senato e come hanno registrato le Agenzie di stampa, ma la circostanza – aggiunge Verri – è assolutamente inveritiera».
«Intanto, per l'appunto – continua – esistono le fotografie di quell?incontro, scattate da un fotografo di Isola Capo Rizzuto, pubblicate prima da 'L'Espresso' e poi da tutti gli altri giornali, che documentano la presenza di molte persone nel ristorante in questione, ma non del parroco. In secondo luogo, lo stesso fotografo, consultato nella mattinata, ha confermato che Don Edoardo Scordio non era affatto fra gli ospiti della cena».
«Infine – conclude – il parroco conserva l'agenda del 2008 in cui ha registrato minuziosamente tutte le sue attività che resta a disposizione per tutti gli eventuali riscontri del caso. Il parroco mi ha dato mandato di agire, in ogni caso - conclude il legale – per tutelare la propria reputazione in tutte le sedi opportune».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?