Salta al contenuto principale

Maltempo, nevicate in Sila e temperature rigide.
L'Arpacal: "aumenta il rischio frane"

Basilicata

In Sila è tornata la neve. Previsto maltempo anche per i prossimi giorni

Tempo di lettura: 
1 minuto 55 secondi

Nella zona di Lorica e a Botte Donato (Cs), nevica ininterrottamente dalla serata di ieri e sono già caduti 40 centimetri. Il manto, sulla vetta, è di circa due metri. La nuova ondata di maltempo sulla regione si sta manifestando anche con un abbassamento delle temperature. Stamani, intorno alle 8, a Catanzaro, la colonnina ha fatto registrare 3 gradi e 2 a Vibo Valentia.
Al sud l’ondata di maltempo che sta investendo tutta Italia, sarà caratterizzata ancora da forti piogge e temporali, che andranno tra l’altro a colpire aree della Calabria già pesantemente interessate nell’ultimo periodo, con estesi e diffusi dissesti.
Fenomeni che saranno accompagnati da forti raffiche di vento, fulmini e mareggiate che potrebbero rendere problematici i collegamenti con le isole minori. A tutti coloro che dovranno mettersi in viaggio nelle prossime ore nelle aree interessate dal maltempo, il Dipartimento della Protezione Civile ribadisce l’invito ad informarsi prima di partire, di viaggiare con le catene a bordo o gli pneumatici da neve nelle zone dove sono previste le nevicate, di usare la massima prudenza alla guida.
ARPACAL
Il Centro funzionale multirischi dell’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente informa che «a partire dal primo pomeriggio di oggi e fino alla serata di domani si assisterà ad un marcato peggioramento delle condizioni meteorologiche, su tutto il territorio regionale, con piogge a carattere di rovescio o temporale di forte intensità. Le precipitazioni assumeranno carattere nevoso al di sopra degli 800 metri, in calo dalla serata».
«Sono, inoltre previsti – prosegue la nota dell’Arpacal – venti di burrasca, da quadranti meridionali, mari da agitati a grossi e mareggiate lungo le coste esposte. Pertanto anche alla luce degli elevati livelli di saturazione dei terreni e delle diffuse criticità presenti sul territorio, il Centro funzionale ha emesso un 'Avviso di elevata criticità' per il rischio idrogeologico ed idraulico finalizzato a porre in fase di 'pre-allarme il Sistema di protezione civile».
«Poichè queste precipitazioni potrebbero innescare fenomeni di allagamenti, smottamenti o frane e quindi pericolo per la pubblica incolumità – riporta ancora la nota – si raccomanda la massima attenzione, specie nelle zone già interessate da simili eventi nelle scorse settimane».
Il Centro funzionale seguirà l’evolversi della situazione, in continuo contatto con il Dipartimento nazionale della Protezione Civile e la Regione Calabria e provvederà, ove necessario, a rendere disponibili successivi aggiornamenti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?