Salta al contenuto principale

Federmarma: stop alla serrata
Prosegue la raccolta di firme

Basilicata

Domani farmacie aperte. Ritirata la circolare che introduceva «insopportabili penalizzazioni per gli ammalati accettando la proposta di Federfarma»

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

E' stata revocata la chiusura delle farmacie proclamata per domani da Federfarma. Lo ribadisce la stessa federazione dopo l’accordo raggiunto ieri, in una nota nella quale si afferma che prosegue comunque la raccolta delle firme «per consentire ai cittadini di poter continuare a ritirare i farmaci necessari nella farmacia sotto casa». «Questa mattina – è scritto nella nota – la Giunta regionale, appositamente convocata dall’on. Loiero, ha ritirato la DGR 81/2010 e la circolare attuativa firmata dal direttore generale Andrea Guerzoni, che introduceva insopportabili penalizzazioni per gli ammalati accettando la proposta di Federfarma. La proposta permette ai cittadini di continuare a ritirare tutti i farmaci per la cura delle malattie più gravi e croniche presso la propria farmacia di fiducia senza essere costretti a peregrinare alla ricerca dei pochissimi centri di distribuzione delle Asl, assicurando nel contempo maggiori risparmi per la Regione e maggiore trasparenza. L’importante risultato è stato raggiunto grazie alla pronta reazione dei cittadini ed agli interventi dei Prefetti e delle forze politiche di tutti gli schieramenti, reazione interpretata dall’on. Sandro Principe che si è fatto promotore di una difficile mediazione tra le esigenze di bilancio della Regione e le necessità degli ammalati». «La firma del protocollo – è scritto nella nota di Federfarma – permetterà, subito, i necessari risparmi per la Regione nel rispetto del diritto dei cittadini ad un accesso al farmaco semplice e garantito dall’assistenza di uno dei 1.500 farmacisti che operano nelle 760 farmacie capillarmente presenti su tutto il territorio regionale. I farmacisti continueranno la raccolta di firme in farmacia per testimoniare quanto questa esigenza sia sentita dagli ammalati e dai loro cari».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?