Salta al contenuto principale

Cosenza, chiesti otto anni di carcere
per Padre Fedele Bisceglia

Basilicata

La richiesta di condanna è stata avanzata dai pubblici ministeri Adriano Del Bene e Salvatore Di Maio

Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Per Padre Fedele Bisceglia, accusato di violenza sessuale nei confronti di una suora, è stata chiesta una condanna ad otto anni di carcere. La richiesta di condanna è stata avanzata dai pubblici ministeri Adriano Del Bene e Salvatore Di Maio, al termine della requisitoria svolta dinanzi ai giudici del tribunale di Cosenza. I pm hanno chiesto anche la condanna a sei anni di reclusione per il segretario di Padre Fedele, Antonio Gaudio, anch’egli accusato di violenza sessuale nei confronti della suora.
La requisitoria dei due pubblici ministeri è durata oltre quattro ore ed ha affrontato tutti gli elementi emersi nel corso delle indagini. Il pubblico ministero Adriano De Bene, ha incentrato il suo intervento sulla personalità della suora, sulla deposizione della religiosa e sulle perizie mediche dalle quali, secondo l'accusa, emergerebbero gli elementi relativi alla violenza sessuale. Il pm ha anche sostenuto che la suora sarebbe rimasta scioccata dalle violenze subite ed aveva paura di Padre Fedele.
Nella seconda parte della requisitoria è intervenuto il pubblico ministero Salvatore Di Maio il quale ha incentrato il suo intervento sugli elementi emersi nel corso dell’istruttoria dibattimentale con la testimonianza della suora, della sorella di quest’ultima e delle altre religiose.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?